MotoGP 2012: Dovizioso e la grande passione per il Motocross

Il forlivese Andrea Dovizioso, pilota della Yamaha satellite MotoGP, racconta la sua passione per la disciplina del Motocross

da , il

    Andrea Dovizioso

    Il neo pilota della M1 satellite, Andrea Dovizioso non ha mai nascosto di essere un grande appassionato di motocross e adesso ne approfitta per allenarsi con la sua Yamaha YZ250F preparata con il kit YRRD. Il centauro italiano della MotoGP confida il suo primo approccio alla nuova moto: “Sono un grandissimo appassionato di motocross e quando è possibile assisto di persona alle gare del Mondiale. La YZ250F 2012 mi è piaciuta moltissimo fin dalla prima volta in cui sono salito in sella ed in particolare mi ha impressionato il telaio che ti permette di essere sempre molto preciso e garantisce grande stabilità sull’anteriore”.

    Dopo aver raggiunto degli ottimi risultati nell’ultimo step di test svolti sul circuito internazionale di Sepang, per Dovizioso è tempo di allenamenti e quale modo migliore per tenersi in forma, se non il motocross: antica e forte passione del forlivese della M1 del team Tech 3.

    Ricordiamo che il Dovi Power è passato quest’anno dalla Honda alla Yamaha dopo aver ottenuto il terzo posto nel campionato 2011.

    In occasione della visita alla sede del team Yamaha MX Monster Energy di proprietà dell’ex Campione del Mondo e leggenda assoluta del motocross Michele Rinaldi, il Dovi ha parlato della sua passione per il cross ed in particolare per la sua nuova Yamaha YZ250F: “Non vedo l’ora di poter testare i nuovi componenti del kit YRRD come la nuova testa del cilindro e gli speciali alberi a camme dato che sulle duemmezzo un po’ di potenza in più non guasta mai! La YZ250F per me è perfetta per un allenamento di trenta minuti a ritmo costante. Adoro i salti, magari non proprio quelli in stile supercross, ma comunque quelli alti, e mi piace molto guidare sulla sabbia anche se su questo terreno così faticoso ancora non riesco ad avere il controllo assoluto della moto”.

    E prime di concludere, il centauro italiano promette che non ha intenzione di interrompere le sue abitudini: “Sicuramente tornerò di nuovo. Devo controllare bene il calendario per capire a quali gare potrò partecipare. Ammetto che per me è il massimo correre per Yamaha perché oltre che correre in pista con la MotoGP al tempo stesso posso fare cross con moto di altissimo livello. Non posso allenarmi quanto vorrei nel cross, ma quando non sono in viaggio per le gare giro almeno una volta a settimana”.