MotoGP 2012, Honda e Yamaha unite contro la regola del peso

Honda e Yamaha esprimono la loro disapprovazione contro la regola del peso introdotta nella MotoGP 2012

da , il

    Test MotoGP a Sepang

    Anche se sono avversari in pista, Honda e Yamaha si uniscono contro la cosiddetta regola decisa dalla Dorna e che comporta l’aumento del peso minimo dei prototipi della MotoGP 2012, portato da 153 a 157 kg. Questa norma è stata fortemente criticata anche dal pilota di punta della Hrc, nonchè campione del mondo in carica, Casey Stoner e adesso si aggiungono anche quelle del team della M1 che si trova a dover far fronte agli stessi problemi. La decisione di aumentare il peso è stata infatti presa quando sia la RC213V che la YZR M1 erano state progettate, mentre la Ducati era ancora in cantiere.

    Che la nuova regola del peso decisa dalla Federazione, avesse creato qualche polemica, lo si era capito dal secco commento del campione del mondo della MotoGP Stoner, il quale aveva definito frustrante aver quattro chili in più sulla moto.

    Aggiungere del peso ad una moto già costruita non è una cosa semplice ed ecco a tal proposito le parole del boss della Honda Nakamoto: “Quando fai qualcosa di diverso si deve fare un test di affidabilità da zero. La nostra filosofia è di fare almeno 2000 km test e questo non è a buon mercato. Sono rimasto molto deluso da questa decisione, abbiamo provato a Valencia e dopo questa prova improvvisamente il regolamento è cambiato, non è giusto. Non so perché il regolamento sia cambiato”.

    Anche la Yamaha rincara la dose sulla diatriba della norma del peso e Masahiko Nakajima afferma: “Personalmente sono molto frustrato in merito alla decisione della Commissione. E’ impossibile prenderla nel mese di dicembre. Avevamo già fatto alcune parti di assemblaggio e alcune parti di ricambio e di cambiarle con 4kg in più rende impossibile fare qualcosa. E’ abbastanza difficile. Per me non è una regola tecnica per un motivo sportivo e sono molto frustrato per questo. Se abbiamo un anno di tempo allora si può anche fare. E’ già difficile aggiungere 1kg, figuriamoci 4! potete immaginare cosa succede. Dobbiamo indagare su quale parte della moto è meglio posizionare la zavorra, ma rimarrà top secret”.

    In molti degli addetti al Paddock, hanno pensato che questa regola sia stata studiata per favorire la Ducati, da Borgo Panigale rispondono in questo modo con le parole di Vito Guareschi: “E’ stata una decisione di Dorna per diminuire il costo, ma per la Ducati era più facile per adattare la moto perché quando la regola è stata cambiata avevamo solo iniziato a costruire la moto. Per noi è stato quindi più facile mettere 4kg in più. Certo per i giapponesi che avevano fatto le loro moto non è facile aggiungere peso. Ma non abbiamo avuto un ruolo in questa decisione. La nostra moto era solo agli inizi mentre le altre erano già pronte. Noi non abbiamo chiesto nulla su questa regola”.