MotoGP 2012 in preda alla crisi economica: la ricetta di Ezpeleta

La ricetta di Ezpeleta per ridurre i costi della MotoGP ed aiutare le case motociclistiche a sostenere i costi dello sviluppo

da , il

    ezpeleta motogp costi

    Carmelo Ezpeleta, amministratore delegato della Dorna Sports, durante i recenti test della MotoGP 2012, andati in scena sul tracciato internazionale di Sepang, ha parlato con le case motociclistiche, prima individualmente e poi come gruppo, delle future regole che governeranno la Top Class con l’obiettivo di ridurre il costo sostenuto da ogni squadra per la partecipazione al Campionato. A questo proposito è stato già predisposto un incontro in programma il 23 marzo durante la seconda tappa dei test ufficiali di Jerez de la Frontera.

    Terminati i test del Motomondiale in Malesia con il dominio della Honda e di Casey Stoner, nel mondo delle due ruote di fa largo l’idea di contenere maggiormente i costi della categoria e garantire un numero adeguato di moto sulla griglia di partenza. In questo senso, il Ceo della Dorna, Ezpeleta propone di fare come in Formula 1 ed offrire ai team satellite una seconda moto in affitto per una singola stagione.

    Un ulteriore misura interessa la riduzione del numero di moto disponibile per ciascun pilota ad una. Quest’ultima regola rimarrebbe in vigore per una sola stagione, mentre per le stagioni oltre il 2013 ancora non è stata presa alcuna decisione. L’amministratore delegato spagnolo ha inoltre affermato che è intenzione dell’organizzazione di approfondire e sviluppare il lavoro per ridurre il gap nelle prestazioni tra moto ufficiali e prototipi CRT: “Le idee per abbassare i costi verranno inviate all’associazione Motorcycle Sports Manufactures con la speranza che un verdetto possa giungere prima di giugno. Altro obiettivo di questa mossa è quello di offrire ad un maggior numero di squadre la possibilità di partecipare al Campionato del Mondo MotoGP”.