MotoGP 2012, test Ducati al Mugello rovinati dal maltempo

Il resoconto del test della Ducati al Mugello con Hyaden ed il team manager Guareschi

da , il

    MotoGp Qatar 2012   prove libere

    Dovevano essere le prove, per fare recuperare a Nicky Hayden il tempo perduto per via dell’operazione subita alla scapola durante il periodo cruciale dei test invernali pre-season. Ma la Ducati al Mugello trova un avversario insolito, perchè le prove sono state fortemente condizionate dal meteo, portando Hayden e il collaudatore ufficiale Franco Battini a passare quasi più tempo ai box che in pista: “Avevamo deciso di fare questo test per recuperare il tempo perso in inverno, ma in realtà non abbiamo potuto fare più di tanto”, ha affermato Hayden.

    Dopo l’infortunio rimediato in allenamento che gli ha causato la frattura della scapola e l’assenza in alcuni test invernali, Hayden contava di recuperare il tempo perduto nello step previsto al Mugello. Lo statunitense della Desmosedici, però, non aveva considerato l’avvento del maltempo che tra umido e pioggia ha sensibilmente frenato lo sviluppo della moto.

    E quando l’ennesimo acquazzone ha spinto il Ducati Test Team a chiudere in anticipo l’ultima giornata di prove, quasi a nulla p servito la breve uscita dei piloti che hanno girato sia con assetti da asciutto sia da bagnato.

    La delusione di Kentucky Kid traspare nelle sue parole, in cui prevale, però anche la voglia di mettersi nuovamente in gioco ad Jerez nel prossimo GP: “E’ un peccato, dato che la Ducati mi aveva dato la possibilità di girare con la mia moto e di lavorare con la mia squadra al completo. Siamo riusciti a fare un paio di uscite con le slick e poi qualche giro con gli assetti da bagnato ma oggi, oltre alla pioggia, faceva freddo e si è alzato anche il vento. Girare era improponibile e, con due gare “back-to-back” davanti, non aveva senso rischiare. Non si può controllare il tempo quindi inutile lamentarsi, adesso pensiamo a Jerez”.

    Stesso discorso e uguale spirito nelle affermazioni di Filippo Preziosi: “Al Mugello abbiamo trovato un meteo molto instabile, ma abbiamo cercato di ottimizzare il lavoro facendo qualche prova di set-up con Nicky, anche in assetto da pioggia, dato che nei primi due test invernali aveva girato molto poco. Con Franco invece, soprattutto il primo giorno in cui le condizioni erano più stabili, abbiamo cominciato a fare alcune prove specifiche che ci serviranno per preparare gli aggiornamenti da provare nei test dopo gara all’Estoril con Vale e Nicky. Spero proprio di trovare un bel sole in Portogallo”.