MotoGP 2013: Ben Spies annuncia il ritiro dalle competizioni

da , il

    ben spies ritiro ducati

    Ben Spies ha detto basta. Il Campione del mondo SBK 2009, dopo un anno costernato da infortuni, ha annunciato ufficialmente che si ritira dalle competizioni. L’annata in Ducati, dopo la caduta con la Yamaha a novembre 2012, era iniziata nel peggiore dei modi, ma nel suo ritorno in moto ad Indianapolis, si era infortunato di nuovo, rimanendo lontano dal mondo della MotoGP. Così, per via delle sue precarie condizioni fisiche, ha deciso di appendere il casco al chiodo e di ritirarsi. Texas Terror lascia quindi le corse, dopo aver vinto un mondiale Superbike, tre volte Campione AMA Superbike e vincitore di una gara MotoGP.

    Le parole di Ben: “Ero davvero molto contento di poter correre con la Ducati in MotoGP e Ducati mi ha supportato nel miglior modo possibile durante questo anno cosi’ difficile. Sono estremamente deluso dal fatto di non essere riuscito a realizzare i miei obiettivi personali e quelli del team. Voglio ringraziare tutti: gli organizzatori, le Case, le squadre e tutti i miei fans per avermi aiutato e supportato durante tutta la mia carriera. Quando ho iniziato a correre non avrei mai immaginato di poter raggiungere il livello di successo che ho avuto negli ultimi 20 anni di competizioni, ma e’ giunto il momento di fermarmi e lo faccio con grande tristezza”.

    Mary Spies, madre e manager del pilota texano, aggiunge: “In ogni campionato in cui Ben ha corso in questi anni, nell’AMA Superbike, nel Mondiale SBK e in MotoGP, ha sempre sentito il calore e la stima da parte di tutti e noi non possiamo che ringraziare per il loro supporto”.

    Infine Paolo Ciabatti, direttore del progetto Ducati MotoGP: “avevamo delle grandi aspettative quando Ben e’ arrivato in Ducati all’inizio di quest’anno, speravamo davvero che potesse rimettersi in piena forma dopo l’infortunio subito a Indianapolis e che potesse continuare a correre per noi nel futuro. In ogni caso capiamo i motivi della sua decisione e li rispettiamo. E’ davvero un peccato per il nostro sport che Ben abbia deciso di smettere di correre, perche’ secondo noi e’ uno dei piloti di maggior talento al mondo. Sicuramente ci manchera’ molto e gli facciamo i nostri migliori auguri per il suo futuro”.