MotoGP 2014: campionato già chiuso per “colpa” di Marquez?

MotoGP 2014: chi può fermare Marc Marquez? Il mondiale è già chiuso alla terza gara? Scopriamolo insieme nel nostro editoriale di Derapate

da , il

    Marc Marquez MotoGP 2014

    Altra settimana e altro editoriale di Derapate.it. Si parla solo di MotoGP in questi giorni, e anche noi ci aggreghiamo al coro. 75 punti sono tanti, tre su tre per Marc Marquez, ma soprattutto l’impressione che nessuno possa fermare lo spagnolo, che il mondiale sia già praticamente chiuso. Errore nostro? Speriamo di si, ma nessuno sembra in grado di dargli del filo da torcere. Comunque ecco i commenti della nostra redazione, naturalmente fateci sapere quello che ne pensate e commentate il nostro editoriale!

    Bis iridato una formalità

    Sono passate solo tre gare e ne mancano un’infinità alla fine, ma lo strapotere di Marc Marquez è impressionante. Lo spagnolo dopo tre GP è a punteggio pieno, ha già messo 19 punti tra sè e Pedrosa, 34 con Valentino Rossi e 53 con Lorenzo. Bastano questi numeri per capire che, se dovesse continuare con questo passo, a metà stagione avrà praticamente il titolo in tasca. Il resto della combriccola è da bocciare nel weekend argentino. Pedrosa aveva il mezzo per dare fastidio a Marquez ma non ci ha provato. Rossi durante tutto il weekend ha fatto fatica, mentre Lorenzo è stato forse l’unico che ha provato veramente a mettere i bastoni tra le ruote. Se questa è la concorrenza, per Marquez, il bis iridato sembra una formalità.

    LUCA VANNI: Twitter @lucavnu, Facebook, Google +.

    Triplete per Marc Marquez

    Marquez imita la squadra del cuore di Valentino Rossi e centra il triplete, 3 vittorie su tre gare disputate. Campionato finito ancora prima di iniziare? Da tifosi e addetti ai lavori speriamo di no. Valentino Rossi quarto alla fine della gara è stato penalizzato da un errore di Bradl e alla fine dichiara di essere dispiaciuto perché dopo aver lottato per le prime posizioni e aver fatto il secondo giro più veloce sperava di salire sul podio, rimane ottimista in vista di Jerez.

    Si rivede Lorenzo in versione umana e non extraterrestre come ci aveva abituato che viene beffato da un Pedrosa “grintoso” all’ultimo giro, sempre se che si possa usare questo aggettivo per il piccolo spagnolo.

    Un pensiero anche a Romano Fenati vincitore in Moto3 che ci ha regalato una gara di altri tempi, è stato bravissimo.

    LUCA ZUCCONI, Twitter @zuluca, Google+, Facebook

    Scommetto sul poker

    Avete voglia a dire che il Mondiale non può dirsi chiuso dopo sole tre gare: ma se qui non succede il finimondo il destino del campionato 2014 è già bello che scritto. Semplicemente Marquez non ha rivali: non ne ha all’interno del suo team perché Pedrosa ha confermato di essere al massimo un “secondo”, non ne ha all’esterno perché le Yamaha sono un passo indietro e gli altri non si sono confermati gli spauracchi dei test invernali. Marquez ha dominato all’esordio su una gamba sola, in Texas dove correva per la seconda volta in carriera e ieri in Argentina dove era la sua prima volta assoluta. Domenica prossima si va a casa sua, a Jerez: io scommetterei sul poker, e voi?

    MARCO MOTTA: Twitter @marcomotta81, Facebook, Google +