MotoGP 2014, test Australia: seconda giornata a Phillip Island ancora nel segno di Lorenzo [FOTO]

C'è ancora Jorge Lorenzo davanti a tutti nella seconda giornata di test sulle gomme Bridgestone di Phillip Island

da , il

    C’è ancora Jorge Lorenzo davanti a tutti nella seconda giornata di test MotoGP a Phillip Island, in Australia. Test, lo ricordiamo, organizzati da Bridgestone per mettere alla prova alcune varianti di pneumatici studiate per il 2014, al fine di evitare quanto accadde proprio qui lo scorso ottobre, con le gomme letteralmente distrutte dall’asfalto australiano. Lo spagnolo della Yamaha si è migliorato rispetto a ieri, girando in 1’29″133 e staccando di due decimi e mezzo la Honda di Pedrosa e la Ducati di Dovizioso. Quarto crono per Valentino Rossi, davanti a Crutchlow.

    La classifica dei tempi

    1 LORENZO, J Yamaha Factory Racing 1’29.133

    2 PEDROSA, D Repsol Honda Team 1’29.381 0.248 0.248

    3 DOVIZIOSO, A Ducati Team 1’29.387 0.254

    4 ROSSI, V Yamaha Factory Racing 1’29.516 0.383

    5 CRUTCHLOW, C Ducati Team 1’29.660 0.527

    Evidentemente Jorge Lorenzo ha fatto pace con la propria Yamaha M1 e con le gomme Bridgestone: dopo il disastro di Sepang, in cui il maiorchino si era addirittura rifiutato di rilasciare interviste dopo la sessione del giovedì in quanto infuriato per le prestazioni dei pneumatici sulla sua moto, le cose sono decisamente migliorate e anche oggi, così come ieri, lo spagnolo vice campione del mondo in carica è risultato il più veloce di tutti nei test di Phillip Island organizzati proprio da Bridgestone per provare alcune nuove gomme studiate per il Mondiale 2014.

    Ovvio, come dicevamo ieri, che i tempi in sé non sono un granché indicativi: alcuni piloti testano la nuova costruzione degli pneumatici, altri invece ne verificano la mescola e dunque le condizioni di partenza non sono uguali per tutti. Ma tant’è, perché l’obiettivo di questi test non è far segnare il “tempone”, ma girare il più possibile in modo da dare a Bridgestone quante più informazioni possibili al fine di realizzare le gomme migliori per la stagione che andrà a iniziare il prossimo 23 marzo in Qatar.

    1’29″133 il tempo di Lorenzo, 80 millesimi meglio rispetto a ieri. Staccati di due decimi e mezzo Dani Pedrosa con la Honda e Andrea Dovizioso in sella alla Ducati Open. La Rossa di Borgo Panigale si conferma alla pari di Honda e Yamaha in questa fase prestagionale e il Dovi si rimette prontamente alle spalle il compagno di scuderia Cal Crutchlow (quinto oggi e unico tra i piloti in pista a fare un passo indietro sui tempi rispetto a ieri) dopo la sfortunata giornata di ieri condizionata da una notte passata in bianco per un leggero malore.

    Capitolo Valentino Rossi: il Dottore fa gli straordinari e completa la bellezza di 75 giri, ottenendo il proprio miglior tempo proprio alla penultima tornata in 1’29″516, a 383 millesimi dal compagno di box in Yamaha, Jorge Lorenzo. Ma, come dicevamo e come dobbiamo ancora una volta sottolineare, non è il tempo a essere indicativo qui in Australia, quanto il modo in cui le nuove gomme Bridgestone si adattano alle moto 2014. Per i tempi, scusate il gioco di parole, c’è tempo: l’appuntamento è a Losail, in Qatar, dal 7 al 9 marzo. Prima, però, c’è da concludere questa tre giorni australiana e dunque tutti (si fa per dire, visto che ci sono solo i piloti di Ducati, Honda e Yamaha ufficiali) in pista di nuovo domani, sempre dalle 9.30 alle 17.30 ora locale.