MotoGP 2014 test Sepang: tiriamo le somme dopo le prove in Malesia [VIDEO]

E' finita la prima settimana di test in Malesia

da , il

    MotoGP Test Malesia 2014, seconda giornata

    Conclusa la prima sessione di test MotoGP sul circuito di Sepang con record della pista ottenuto da Marc Marquez (1’59″5 contro il 59″6 di Stoner del 2012), è tempo di stilare un primo bilancio in previsione dei test di fine febbraio sempre sul circuito malese. Marc Marquez è in forma smagliante e il record della pista appena ottenuto lo dimostra, un segnale ai diretti avversari per il mondiale per avvisarli che difenderà il titolo ad ogni costo e proverà a riconfermarsi. Valentino Rossi sembra vivere una seconda giovinezza a quasi 35 anni: è ancora lì in mezzo a ragazzini di 10 anni più giovani di lui e il secondo posto di oggi è un monito per tutti per dire che il Dottore c’è ancora, Lorenzo è il solito martello: tempi fotocopia ad ogni giro nonostante qualche problema riscontrato nel long run pomeridiano mentre Pedrosa sembra leggermente indietro rispetto ai primi 3.

    Chi non smette di stupire è Aleix Espargarò: il maggiore dei fratelli Espargarò in sella ad una Yamaha Open sta letteralmente volando in questi giorni e il 4° posto di oggi a meno di mezzo secondo dai primi lo dimostra. Honda factory nel complesso leggermente superiore a Yamaha factory che sta però recuperando terreno, al contrario di ciò che succede alle Open dove la Yamaha FTR sta strapazzando le Honda PR dei team privati. Le malelingue (Nakamoto-San in testa) dicono che la Yamaha FTR sia la Factory 2013 mascherata da Open ma ad Iwata non ci fanno caso e si coccolano il loro gioiello. E Ducati? Segnali di risveglio sono arrivati in questa ultima giornata di test soprattutto da Dovizioso che ha chiuso a meno di 9 decimi da Marquez.

    E’ solo il primo test ma sembrano già delinearsi le forze in campo…Sepang 2 a fine Febbraio dirà come stanno effettivamente le cose

    Valentino Rossi: “Sono felicissimo”

    Un raggiante Valentino Rossi commenta così la sua seconda posizione: “Sono davvero felice di come sia andato questo test non solo per la seconda posizione ma anche per il tempo ottenuto (59″7), è la prima volta nella mia vita che in Malesia scendo sotto il 2’00 e comunque sono a 2 decimi da Marquez che non è male. Ho un buon feeling con la moto e le soluzoni che abbiamo provato in accordo con Silvano sono andate bene. Abbiamo provato nel pomeriggio la simulazione di gara per capire certi problemi. Abbiamo avuto difficoltà a tenere il passo ma non è andata male e il bilancio di questi test è decisamente positivo”.

    Jorge Lorenzo: “Sto migliorando”

    Il vice campione 2013 commenta così la sua terza posizione: “Abbiamo migliorato tanto il tempo sul giro rispetto a ieri ma non ho fatto un giro perfetto. Con gomme più soffici avrei potuto girare in 59″5-59″6 ma il nostro obiettivo non era migliorare il giro singolo quanto migliorare il passo gara e l’abbiamo centrato. Abbiamo fatto una simulazione al pomeriggio con un gran caldo e sono sorti problemi inaspettati e quindi il passo non era quello che ci aspettavamo. Abbiamo girato solo quin in Malesia che comunque sia storicamente non è un circuito Yamaha ma vedremo nei prossimi test ancora qui in Malesia e in altri circuiti. Sono comunque soddisfatto dell’evoluzione e delle migliorie e il vero obiettivo sarà avere lo stesso feeling dell’anno scorso ma con meno benzina”.

    Marc Marquez: “Sono abbastanza contento”

    Il campione in carica commenta così i suoi test: “Sono abbastanza soddisfatto di questi primi 3 giorni di test. E’ vero che è solo il prmo test e c’è ancora tanto da fare ma abbiamo effettuato una simulazione di gara senza riscontrare problemi. Abbiamo provato tante soluzioni e raccolto tanti dati che ci torneranno utili per il prossimo test che svolgeremo ancora qui. Abbiamo ancora alcune cose da provare quindi dobbiamo trarre il massimo dai giorni di test qui a Sepang”

    Daniel Pedrosa: “Sono un po’ indietro”

    Di tutt’altro umore rispetto al giovane compago di squadra è Daniel Pedrosa, apparso in leggero ritardo rispetto al terzetto di testa. Ecco le sue parole: “Oggi mi sono concentrato di più sul telaio cercando di ottenere più grip al posteriore e credo di aver fatto buoni progressi in questo senso. Questa mattina ho avuto problemi ai freni su entrambe le moto quindi ho perso tempo proprio nella parte della giornata in cui si poteva fare il giro veloce. E’ stata comunque una giornata positiva in quanto sono riuscito a migliorare la messa a punto della moto. Al prossimo test spero di continuare sulla stessa base di oggi per continuare a migliorare prima di arrivare a Phillip Island”.

    Andrea Dovizioso: “Il gap dai primi è ancora alto”

    Compare finalmente un sorriso sul volto di Andrea Dovizioso che commenta così i suoi test: “Sono davvero contento di come siano andati i test, siamo riusciti a fare un buon lavoro e a migliorare molto. Posso frenare più forte ed entrare con più efficacia e velocità in curva, accelerare un po’ prima in uscita usando quindi più potenza nella parte iniziale dell’accelerazione. Ho migliorato come tempo sul giro e sono soddisfatto per aver ottenuto un tempo mai ottenuto su qualsiasi moto che ho guidato. Ho migliorato anche il passo gara e comunque non mi aspettavo di migliorare così tanto ma nonostante tutto dobbiamo rimanere con i piedi per terra perchè il gap dai primi è ancora alto”.

    Cal Crutchlow: “Lontano da Dovizioso”

    Il buon Cal Crutchlow ammette di essere ancora un pelino in difficoltà ma rimane comunque ottimista: “Sono soddisfatto anche se la posizione in classifica non è delle migliori. All’inizio del pre-campionato la classifica non conta più di tanto. Sono ancora piuttosto lontano da Dovizioso ma sono comunque soddisfatto per aver girato più veloce di ieri. Ho tratto delle buone indicazioni anche se purtroppo il mio tempo l’ho ottenuto soltanto a mezzogiorno quando la temperatura era di 15 gradi superiore rispetto a quando hanno girato gli altri. Tutto sommato non sono preoccupato del mio tempo anche perchè so che si può spingere di più con la GP14, e ciò è positivo. I miei tempi non sono tanto lontani da quelli dello scorso anno ma gli altri hanno migliorato tanto”.