MotoGP 2015, Aprilia: Melandri vuole tornare in SBK [FOTO]

Marco Melandri ha chiesto di tornare subito nella SBK 2015

da , il

    Marco Melandri

    La notizia ha dell’incredibile ma è quanto successo poco dopo la chiusura dei primi Test di Sepang 2015 della MotoGP. Marco Melandri si è riunito con i vertici dell’Aprilia per discutere del suo passaggio immediato in SBK. Il pilota romagnolo avrebbe chiesto, ma non ottenuto, di tornare subito in SBK dopo le evidenti difficoltà riscontrate nei primi di Test malesiani. Melandri ha infatti chiuso la tre-giorni col peggior tempo, distante oltre 4” dalla vetta ma anche a 2” dal compagno di box, Alvaro Bautista. Per il 33enne romagnolo le difficoltà per risalire sulle MotoGP sono state enormi: elettronica, pneumatici e una moto non performante hanno fatto crollare Melandri che è arrivato a chiedere ad Aprilia di poter tornare subito sulla Aprilia RSV4 del Mondiale Superbike. Ecco i motivi per cui non sarà possibile un imminente passaggio, a meno di improvvisi cambiamenti, di Mleandri in SBK.

    Che il 2015 dell’Aprilia fosse un anno difficile lo si era già capito da diversi mesi. Come è normale che sia un passaggio nella classe regina non è affatto semplice e porta con sè moltissimi problemi. La scelta coraggiosa, ma allo stesso tempo saggia, di Aprilia di anticipare l’esordio di un anno rispetto alla tabella di marcia servirà come apprendistato in vista del campionato 2016. Anche la Suzuki, new entry del 2015, riscontrò gli stessi problemi ad inizio 2014 ma attualmente è già riuscita ad insediarsi nella top-ten dei primi test. Alvaro Bautista, a Sepang, ha girato circa 2” più lento della vetta e con dei tempi alti ma comunque abbastanza incoraggianti per essere la base dei futuri aggiornamenti della Casa di Noale. I problemi di Melandri nascono proprio da Bautista. Lo spagnolo è stato infatti oltre 2” più veloce dell’italiano che ha chiuso tutte le giornate in ultima posizione e distanziano da qualsiasi altro pilota.

    – VEDI ANCHE: CALENDARIO MOTOGP 2015 –

    Per Melandri, ormai 33enne, questi Test devono essere stati uno smacco importante nello spirito del pilota tanto da chiedere di poter tornare subito in SBK per recitare il ruolo da protagonista che ricopriva già l’anno scorso. I vertici dell’Aprilia hanno tranquillizato il pilota e spiegato i motivi per cui è attualmente impossibile un suo ritorno nella classe delle derivate. In SBK l’Aprilia correrrà col solo team Red Devils e i piloti Leon Haslam e Jordi Torres sono stati ingaggiati da pochi mesi. Per Melandri dunque si prospetta una stagione in fondo allo schieramento a meno che non riesca a trovare il bandolo della matassa migliorando sensibilmente le proprie prestazioni nel più breve tempo possibile. A meno di improbabili sconvolgimenti tra i team Aprilia Sbk e MotoGP, il pilota romagnolo gareggerà nella classe regina. Sarà in grado di uscire da questa situazione riducendo il gap o sarà costretto alla sua peggior stagione sportiva da quando corre? ai posteri l’ardua sentenza.