MotoGP 2015, mercato piloti: i team per la prossima stagione

MotoGP mercato piloti 2015: La Ducati conferma Dovizioso, Crutchlow e promuove Iannone

da , il

    Si parla di Mercato Piloti MotoGP 2014. Nel circus c’è grande fermento per quel che riguarda la griglia di partenza della prossima stagione. Molti piloti sono a caccia di una sella, mentre altri potrebbero ritornare nella classe regina del Motosport. C’è tanta gente già accasata: i top riders da tempo hanno rinnovato per la prossima stagione, come in casa Ducati ufficiale, con il team tutto italiano Dovizioso-Iannone. Ecco di seguito la situazione dei vari team che faranno parte della stagione 2015.

    due team più importanti e vincenti delle ultime due stagioni, la Honda HRC e la Yamaha Movistar hanno già confermato i piloti per la prossima stagione. Nessuna novità quindi col campione del Mondo Marquez e Dani Pedrosa in sella alla Honda e il duo Jorge Lorenzo e Valentino Rossi sulla Yamaha. La notizia che ha scombussolato la MotoGP 2015 è l’entrata in gioco dell‘Aprilia. La scuderia italiana, che collaborerà col Team Gresini, ha già deciso il pilota con cui correrà la prossima stagione: Alvaro Bautista.

    SCUDERIE E PILOTI 2015

    Honda HRC -> Marquez – Pedrosa

    Yamaha Movistar -> Rossi – Lorenzo

    Ducati Team -> Dovizioso – Iannone

    Honda LCR -> Crutchlow – Miller (Open)

    Aprilia Gresini -> Bautista

    Yamaha Tech3 -> P.Espargarò – Smith

    Yamaha Forward -> Bradl

    Ducati Pramac -> Hernandez (Open)

    Ducati Avintia -> Barbera (Open)

    Suzuki -> A.Espargarò – Maverick Vinales

    Drive M7 Aspar -> Hayden – Baz

    Su Baz in Drive M7 Aspar però ci sono diversi dubbi al momento. Il pilota francese potrebbe non essere il compagno di box di Hayden. Motivo? l’altezza eccessiva del pilota francese. Baz è infatti alto ben 193cm e col suo fisico avrebbe dei problemi a guidare la RCV1000R. Questa notizia avrebbe del clamoroso se fosse confermata con l’esclusione del pilota francese dalla griglia 2015.

    Un altro pilota che riesca seriamente di restare appiedato è Scott Redding. L’inglese ha un contratto attualmente con Gresini Team ma quest’ultimo ha da poco siglato un accordo con Aprilia. L’Aprilia ha deciso di concedere le proprie moto aad Alvaro Bautista e per questo motivo il britannico è attualmente fuori. L’unica possibilità finora concreta, per vedere ancora Redding nella MotoGP, è il team Marc VDS (suo ex team in Moto2). La scuderia pare essere intenzionata ad intraprendere il passaggio in MotoGP, con una Honda Factory, e potrebbe regalare una sella al suo ex pilota. L’inglese ci spera per non diventare un disoccupato di lusso della prossima stagione.

    Stefan Bradl firma per NGM

    Come al solito, quando si avvicina Brno, il mercato piloti della MotoGP 2015 impazzisce. Dopo aver annunciato che Cal Crutchlow lascerà Ducati per passare alla Honda di Lucio Cecchinello, ci si chiede quando verranno sistemati gli ultimi tasselli della categoria. Andrea Iannone sarà secondo pilota Ducati ufficiale, con in Pramac ancora libero un sedile. Stefan Bradl, rimpiazzato da Cal, ha appena firmato con Forward Racing, forse al posto di Aleix Espargarò, destinato in Suzuki. Jack Miller sarebbe vicino a fare il doppio salto di categoria, dalla Moto3 alla MotoGP, e accasarsi da Gresini sulla Honda Production di Scott Redding, il quale prenderebbe il posto di Alvaro Bautista.

    La Suzuki debutta in MotoGP con Espargaro’

    La Suzuki Team MotoGP, di rientro nel circus dopo anni di assenza, ha quasi ufficializzato i due riders della stagione 2015. Uno dei due pilota sarà con ogni probabilità il campione della Moto3, Maverick Vinales. Il giovane 19enne ha un talento puro e rispecchia il diktat di Davide Brivio, nuovo team manager, della scuderia nipponica. Per la seconda moto ufficiale, Brivio ha parlato di un “pilota di riferimento”, un pilota capace di sfruttare al meglio la moto. Il nome che circola con insistenza è quello del 25enne Aleix Espargarò.

    GUARDA TUTTE LE FOTO DELLE PADDOCK GIRLS DELLA MOTOGP

    Lo spagnolo, da quasi 10 anni nel Motomondiale, avrà la ghiotta occasione di diventare un pilota ufficiale. In questo 2014 ha dimostrato di aver le carte in regole per poter far bene e, con un team ufficiale alle sue spalle, potrebbe fare una grandissima stagione. Ora non resta che aspettare l’ufficialità di questa notizia che pare sia ormai ufficiale.