MotoGP 2016, Carmelo Ezpeleta: “Valentino Rossi e Marquez possono non essere amici”

Carmelo Ezpeleta, Ceo della Dorna, ha spiegato che non si aspetta una pace tra Valentino Rossi e Marc Marquez dopo il finale di stagione del 2015. Ezpeleta ha parlato anche di centralina unica e Stoner.

da , il

    La stagione di MotoGP 2016 è iniziata. Tanti interrogativi per il nuovo regolamento, con la centralina unica e gli pneumatici Michelin, e il grande dilemma stagionale: tra Valentino Rossi e Marc Marquez sarà guerra oppure prevarrà il buon senso ed in pista non correranno rischi inutili? Carmelo Ezpeleta, boss della MotoGP, ha parlato di cosa si aspetta dai due piloti e non solo. Girate la pagina per leggere l’intervista del numero 1 della Dorna, rilasciata al quotidiano spagnolo AS, nella consueta intervista di apertura del campionato.

    Ezpeleta: “Rossi e Marquez come Messi e Cristiano Ronaldo”

    Da quando il Motomondiale si chiama MotoGP, il CEO di Dorna Carmelo Ezpeleta ha l’abitudine di farsi intervistare dal quotidiano AS spiegando cosa si aspetta dalla nuova stagione. Dopo il brutto finale di campionato scorso, ci si aspetta un 2016 ricco di bagarre e spettacolo: “Io non sto dalla parte di nessuno – ha spiegato Ezpeleta – nè da quella di Marquez nè da quella di Valentino Rossi. Credo che una pace tra i due non la vedremo, anche perchè non li possiamo forzare. Nel calcio Messi e Cristiano Ronaldo non lo sono e lo stesso vale per Rossi e Marquez. Per correre e per il campionato in sè, non serve che siano amici“. Ezpeleta ha poi spiegato quanto il duello abbia portato risalto alla MotoGP: “Abbiamo avuto un finale di stagione con tutta l’attenzione mediatica possibile ma non firmerei per un altro finale identico nel 2016. L’attenzione deve essere sullo spettacolo di questo sport e non sulle dichiarazioni, ricorsi e quant’altro successo fuori dalla pista. Io sono comunque convinto e sicuro che tra Lorenzo e Marquez non ci sia stato il famoso biscotto“.

    Ezpeleta si è poi focalizzato sulle due grandi novità del primi test stagionali, la centralina unica e Casey Stoner. Secondo il numero 1 della Dorna, il software unico darà un grande spettacolo: “Sono anni che volevo l’introduzione della centralina unica e già nei primi test abbiamo visto i frutti con 18 piloti racchiusi in un secondo. La stagione si prospetta incerta e con più piloti e marche che potrebbero vincere le gare in programma”. Infine Ezpeleta ha parlato del grande ritorno di Stoner come collaudatore della Ducati: “Sarei contento se dovesse tornare in pista come Wild-Card. In passato Casey ha detto cose inesatte sull’organizzazione delle gare, ma è un buon pilota e se dovesse correre qualche Gran Premio sarebbe una sorta di rettifica a ciò che disse il giorno del suo ritiro”.