MotoGP 2016, Jorge Lorenzo in Ducati: 5 buoni motivi per andare

MotoGP 2016: Jorge Lorenzo potrebbe accettare la proposta ricevuta dalla Ducati e firmare con la casa di Borgo Panigale per il biennio 2017-2018. I motivi per cui Lorenzo potrebbe accettare.

da , il

    Lorenzo

    In queste prime settimane di MotoGP 2016 sta tenendo banco il futuro di Jorge Lorenzo. Allo spagnolo, dopo aver vinto il titolo mondiale piloti, è stato proposto il rinnovo del contratto da parte della Yamaha ma anche la Ducati si è messa sulle sue tracce offrendo un contratto migliore rispetto a quello della casa giapponese. Il 5 volte campione del mondo ha deciso di prendere tempo per capire il reale valore della nuova Ducati Desmosedici. Accetterà la proposta della scuderia di Borgo Panigale o resterà in Yamaha? Sfogliate le pagine per vedere dei buoni motivi per cui Jorge Lorenzo dovrebbe dire “Si” alla Ducati. Per seguire il LIVE delle qualifiche della MotoGP Argentina 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    1. Il sapore della sfida

    I grandi campioni, di qualsiasi sport, amano le sfide. Vincere in più team mostra ancora di più la grandezza dell’atleta. Se si pensa per esempio ad Hamilton, Schumacher ma anche Cristiano Ronaldo e lo stesso Valentino Rossi hanno accettato la sfida e sono andati a vincere con altre squadre. Jorge Lorenzo, da quando è sbarcato in MotoGP nel 2008, ha guidato solo la M1 vincendo 3 degli 8 campionati disputati. Vincere in Ducati, impresa riuscita solo a Casey Stoner e fallita da Valentino Rossi, potrebbe essere una grande sfida.

    2. Uomo immagine

    Lorenzo in Ducati diventerebbe l’uomo immagine del marchio in giro per il mondo. Anche in Yamaha è considerato importante sotto questo punto di vista ma Valentino Rossi, come lo stesso Jorge ha spiegato tempo fa, fa vendere le moto e non lui. Accettare il contratto Ducati aprirebbe un nuovo mondo anche con gli sponsor.

    3. Contratto faraonico

    Non vogliamo fare i conti in tasca allo spagnolo ma i 12 milioni di euro offerti da Ducati sono una cifra faraonica. Yamaha si è fermata a 9 e non sembra intenzionata a giocare al rialzo. Sicuramente Lorenzo non accetterà in base al salario ma la cifra è sicuramente allettante.

    4. Riuscire dove Rossi ha fallito

    Jorge Lorenzo, dopo aver battuto Valentino Rossi in Yamaha, potrebbe accettare la sfida Ducati per batterlo moralmente anche li. Il passato di Rossi in Ducati è stato orribile e riuscire a trionfare con la Desmosedici sarebbe un godimento doppio che porterebbe definitivamente Lorenzo nell’olimpo dei più forti.

    5. Stima con Dall’Igna

    Se la Ducati ha deciso di puntare su Jorge Lorenzo è sopratutto per la stima reciproca tra Gigi Dall’Igna e lo spagnolo. Il responsabile corse della Ducati sa di aver a disposizione una grande moto e col pilota giusto si tornerebbe a vincere come nel 2007. Lorenzo, dopo il burrascoso 2015, non è più troppo amato dal box Yamaha e potrebbe accettare la Ducati per avere un clima più sereno intorno a sè.