MotoGP 2017: mondiale alle porte, chi sta meglio?

MotoGP 2017: mondiale alle porte, chi sta meglio?

La situazione in pista dopo le nove giornate di test pre-campionato.

    La MotoGP 2017 è ormai alle porte. La tre-giorni di test a Losail è servita ai piloti e team per racimolare nuovi dati e telemetrie utili per sviluppare i prototipi in vista dell’imminente inizio di stagione. Il 26 Marzo, sempre sulla pista alle porte del deserto, si accenderanno i riflettori e si inizierà a fare sul serio con la prima gara stagionale. Noi di Derapate abbiamo voluto fare un’analisi generale su ciò che si è visto in pista durante l’inverno per capire chi sta meglio, e peggio, in vista della prima gara stagionale.

    Sepang, Phillip Island, Losail. Il “comun denominatore” in queste nove giornate di test è stato Maverick Vinales. Lo spagnolo, sulla Yamaha M1, è risultato velocissimo sul giro secco e costante sul ritmo gara durante l’intero inverno. L’ex pilota della Suzuki ha dimostrato di aver trovato un feeling pazzesco con la sua nuova moto ed è diventato uno dei più seri candidati alla vittoria del titolo iridato. Tra 15 giorni scopriremo se sarà veramente lui l’uomo da battere in gara. Come stanno gli altri? la Ducati, non solo a Losail, ha dimostrato di aver a disposizione un’ottima moto. Buoni i progressi di Lorenzo, anche se non partirà sicuramente come favorito a Losail, mentre Dovizioso si è dimostrato un pilota veloce e affidabile. In casa Honda ha in parte preoccupato Marc Marquez. Lo spagnolo ha chiuso 11°esimo a Losail ed è anche caduto più volte cercando di trovare il limite della sua RV213V. Anche l’anno scorso ebbe un inverno problematico, poi si laureò campione del mondo.

    Nel box giapponese non c’è grande preoccupazione, anche perchè Pedrosa e Crutchlow sono riusciti ad essere competitivi durante le varie giornate di test. Chi ha faticato tanto in inverno è Valentino Rossi. Il “Dottore” non è riuscito a trovare il setup ideale alla sua M1. Il pilota di Tavullia ha lavorato tanto, provando tante soluzioni, ma sembra ancora lontano dal feeling ideale. Valentino Rossi però non si arrenderà facilmente e sicuramente in gara troverà il guizzo giusto per lottare con i migliori. Tra le sorprese più interessanti dei test ci sono i due rookie della Tech3 Yamaha. Jonas Folger e Johann Zarco hanno girato con costanza siglando spesso tempi interessanti. Iannone sulla Suzuki ha girato a “corrente alternata” e non sembra aver trovato il feeling migliore con la nuova moto. L’Aprilia, in particolare con Aleix Espargarò, sembra aver trovato una costanza di rendimento interessante per stare con i primi. Per la KTM ci sarà ancora tanto da lavorare per essere competitiva con le altre case.

    440

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MotoGP 2017News MotoGPPiloti MotoGP 2017Team MotoGP 2017
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI