MotoGP: a Sepang si comincia coi collaudatori

Al via la MotoGP 2010! I test di Sepang partono già oggi, anche se in pista sono scesi i piloti collaudatori: si tratta soprattutto di giapponesi in sella alle moto Yamaha, Honda e Suzuki, ma tra i “tester” c'è anche l'italiano Vittoriano Guareschi, team manager e collaudatore della Ducati

da , il

    Al via la MotoGP 2010! I test di Sepang partono già oggi, anche se in pista sono scesi i piloti collaudatori: si tratta soprattutto di giapponesi in sella alle moto Yamaha, Honda e Suzuki, ma tra i “tester” c’è anche l’italiano Vittoriano Guareschi, team manager e collaudatore della Ducati.

    In attesa di veder correre i vari Valentino Rossi, Jorge Lorenzo e Casey Stoner, i collaudatori provano e preparano i mezzi per i piloti che correranno i test ufficiali del Campionato del Mondo MotoGP in programma da domani sul circuito malese.

    Grande attesa per i primi test ufficiali del Campionato del Mondo MotoGP 2010. Da domani scenderanno in pista a Sepang i piloti e le moto che si contenderanno il titolo iridato.

    Ma fino ad ora gli unici a girare sul circuito sono stati i collaudatori: data la predominanza di moto giapponesi questi sono quasi tutti nipponici, ma tra i tester delle varie Honda, Suzuki e Yamaha spicca l’italianissimo Vittoriano Guareschi, che per la Ducati riveste anche il ruolo di team manager.

    Alcuni piloti ufficiali sono già in Malesia: Jorge Lorenzo (Yamaha), Loris Capirossi (Suzuki) e Marco Melandri (Honda) sono a Sepang da qualche giorno, mentre Valentino Rossi (Yamaha) e Marco Simoncelli (Honda) sono sbarcati da poco e su stanno adattando al fuso orario malese.

    Da domani i rider dovranno fare sul serio e cercare di spingere al massimo i loro bolidi, in modo da arrivare preparati al primo Gran Premio della nuova stagione, ma anche e soprattutto per dimostrare di esserci e di poter partecipare alla lotta per il titolo.

    Naturalmente la pressione maggiore sarà sul campione in carica, il nostro Valentino Rossi, chiamato ancora una volta a difendere il titolo dai suoi avversari più agguerriti.