MotoGP Amletica. Valentino a Yamaha:”Resto o non resto? Questo è il dilemma….”

MotoGP Amletica

da , il

    valentino yamaha

    Che la Fiat non abbia portato bene a Valentino lo si è visto dalla prima di gara di Campionato 2007. La stessa cosa era successa con il giallo Camel della scorsa stagione.

    Adesso, sfortuna a parte, sarà per caso che anche la Yamaha ci abbia messo il carico?

    Ed è proprio quello che sembra, a giudicare dalle ultime due moto scese in pista in queste due ultime stagioni di MotoGP.

    La Yamaha non è mai sembrata all’altezza delle concorrenti sul lungo termine e le gare sporadicamente riuscite non sono state sufficienti a costruire una due-ruote vincente.

    Tempo di bilanci, quindi, sia per la casa giapponese, sia per Valentino Rossi che, dopo la migrazione da Honda a Yamaha, e dopo la vittoria 2005, non è più riuscito a ripetere quel fragoroso risultato che ormai sembra lontano anni luce.

    E poi, il futuro di Valentino che non ha più vent’anni, è più che mai incerto. Sappiamo che la Fiat, che da 6 mesi ha rilanciato il marchio dello scorpione Abarth, da tempo sta adulando il campione di Tavullia per portarlo a sè, e sappiamo anche che con Valentino si possono usare i rally come la carota con gli asinelli.

    Che fare, quindi, dopo il prossimo 2008?

    Tutte domande a cui Valentino ha in parte risposto: “Resterò in MotoGP sicuramente il prossimo anno. Il mio futuro poi dipenderà da tante cose. Sarei felice di poter concludere la mia carriera con la Yamaha - fa sapere Rossi -, ma dall`altra parte mi serve una moto competitiva. Le mie motivazioni da sole non bastan. Speravo di potervi dire qualcosa, ma sulle gomme non abbiamo ancora deciso nulla. Sono due anni che fatico con le Michelin e passare alla Bridgestone può essere un rischio, ma anche una buona soluzione. Purtroppo la notizia non c’è ancora“.

    La aspettiamo, allora…