MotoGP Aragon 2013: i commenti dei piloti dopo le qualifiche [FOTO]

I commenti dei principali protagonisti delle qualifiche di Aragon

da , il

    Motomondiale ad Aragon, prove libere del venerdì

    L’esaltante sessione di qualifiche del Gran Premio di Aragon 2013, vedono incoronato per la settima volta in questa stagione il giovane esordiente di casa Honda: Marc Marquez. Giornata di qualifiche accesissima e ravvivata sopratutto dagli ultimi 15 minuti in cui ben 4 piloti si scambiano ripetutamente il testimone per la conquista della pole.

    Prima Pedrosa, poi Lorenzo e Valentino Rossi (qui il suo commento), ma sarà ancora una volta Marquez a conquistare la prima casella in griglia di partenza per la gara.

    Leggiamo pertanto i commenti dei protagonisti di questo esaltante pomeriggio.

    Marc Marquez conquista la sua pole n. 7 nella classe MotoGP; numeri davvero notevoli per un pilota che, in MotoGP, è esordiente: “E’ stata una grande sessione di qualifiche quella di oggi; siamo riusciti il massimo rendimento delle gomme che ci ha permesso di ottenere pole position. Sono stati i piccoli dettagli a fare la differenza in questo pomeriggio su questa pista. Sono contento perché la pole position è un risultato sempre importante e questo ci dà molta fiducia anche per la gara. Domani sarà importante partire bene e cercare di gestire al meglio le risorse della moto; dobbiamo cercare di tenere un ritmo costante in gara cercando di stare con Jorge e Dani per tutta la durata della gara.”

    Jorge Lorenzo perde la pole per soli 10 millesimi; un’occasione che sfugge al campione del mondo, ma il ridottissimo divario con la Honda è un risultato che fa ben sperare il pilota maiorchino in ottica della gara: “Sapevo di aver fatto un ottimo giro e speravo che quel tempo mi potesse permettere la pole, ma sapevo che c’erano altri piloti molto vicini o davanti a me. Ho perso una probabile pole per soli 10 millesimi chiudendo con il secondo posto. Ho cercato di fare del mio meglio, spingendo al massimo, ma ho commesso un errore alla prima curva e ho perso circa due decimi, così ho perso l’occasione è sfumata. Una cosa è fare un giro veloce, un altro è fare giri veloci per tutta la gara, ma prima delle qualifiche abbiamo trovato qualcosa in più per il ritmo gara, così siamo più forti sia sul giro singolo che sul passo gara. Se il meteo rimarrà come in questi due giorni sarà una bella gara e tutto può succedere.”

    Dani Pedrosa è il pilota che chiude la prima fila; è il primo pilota durante il turno di qualifiche che abbassa il vecchio record del tracciato di Casey Stoner: “La posizione in griglia non dimostra in realtà quanto sia stata buona la nostra prova; siamo stati autori di una grande qualifica anche se poi ho chiuso solo con il terzo posto. Abbiamo fatto un ottimo lavoro e sono soddisfatto del mio tempo sul giro; per domani la chiave sarà fare una buona partenza perché la prima curva è molto vicina al via, per questo voglio fare molto bene i primi giri e mantenere un buon passo per tutta la gara. L’autonomia delle gomme sarà determinante e quindi è anche importante gestirla sulla distanza dell’intera gara.”

    Stefan Bradl: “Ovviamente volevo qualificarmi al quarto posto ma Rossi alla fine era leggermente più veloce, ma sono soddisfatto comunque. Abbiamo iniziato bene il week-end e oggi abbiamo avuto la conferma che il pacchetto è buono e il ritmo anche. Questo ci rende ottimisti per domani anche se l’incognita rimangono le gomme: adesso siamo veloci nei primi giri, ma le gomme calano velocemente. L’elemento chiave è riuscire a conservare gli pneumatici il più possibile sino all’ultimo giro. In questo momento pilota e moto sono in sintonia e questa combinazione mi piace molto.”

    Alvaro Bautista: “Abbiamo rimandato al pomeriggio quello che non siamo riusciti a fare stamattina, ma non ci ha soddisfatto particolarmente. Siamo così scesi in pista per le qualifiche con il setting di ieri dando risultati positivi perché il tempo che abbiamo fatto segnare è molto buono. Naturalmente anche gli altri hanno girato forte e ci siamo dovuti accontentare del sesto posto e della seconda fila. Sono in ogni caso soddisfatto per il riscontro cronometrico ma soprattutto per le positive sensazioni di guida. Su questa pista era importante ottenere una posizione nelle due prime file perché la prima curva è molto vicina e quindi sono contento. Speriamo di fare una buona partenza e di non perdere il contatto dai primi, non sarà facile ma ci proveremo cercando poi di lottare per un quarto quinto posto.”

    Nicky Hayden: “Alla fine del turno del mattino sono uscito per familiarizzare un po’ con le condizioni dell’asfalto, ma non è stato molto utile perché la pista era ancora abbastanza umida. Nel pomeriggio invece siamo riusciti a migliorare qualcosa e ho girato molto più veloce dello scorso anno, ma bisogna dire che tutti stanno girando più forte. Ad essere onesto, mi dispiace molto essere così indietro, ma per il momento la nostra situazione è questa. Le gomme si consumano abbastanza rapidamente a causa delle curve molto lunghe, dove siamo in piega per parecchio tempo, ma abbiamo un paio d’idee per domani mattina che ci potrebbero aiutare. Per la gara invece devo riuscire a passare indenne attraverso la prima curva, vedere come va l’usura delle gomme e fare del nostro meglio.”

    Andrea Iannone: “E’ stata una giornata abbastanza complicata, ho disputato le Q1 e poi sono riuscito ad entrare nelle Q2. Si può vedere in modo positivo visto che ho migliorato i tempi di ieri, ma ho ho ancora un po’ di problemi, mi manca il grip ideale e dietro scivola molto. Non riesco a sfruttare l’accelerazione. Avremmo potuto girare di più stamattina, abbiamo perso del tempo prezioso che ci avrebbe aiutato, ma ho comunque migliorato il tempo delle qualifiche 1. Nel warm up proveremo una nuova soluzione che potrebbe aiutarci in gara.”