MotoGP Aragon 2016, anteprima: Valentino Rossi a casa di Lorenzo e Marquez

L'anteprima del MotoGP Aragon 2016. Le aspettative, il tracciato e tutto quello che c'è da sapere sul GP che si correrà in Spagna Domenica 25 Settembre.

da , il

    Tutto pronto in Spagna per la MotoGP Aragon 2016. Dopo il Gran Premio di Misano, vinto da un sorprendente Dani Pedrosa, la classe regina del motomondiale fa tappa ad Aragon per il quintultimo appuntamento stagionale. Con ancora 125 punti in palio, la lotta per il titolo entra nella sua fase clou e sulla pista di Aragon potrebbero chiudersi, o incredibilmente riaprirsi, i giochi per il mondiale. Tutto dipenderà dal risultato che otterrà Marc Marquez in gara. Il leader del mondiale, avanti di 43 punti nei confronti di Rossi e di 61 su Lorenzo, non sta attraversando un periodo troppo esaltante (un solo podio nelle ultime quattro gare ndr), ma in questo lasso di tempo è riuscito a restare saldamente in testa al campionato. Ora, prima del trittico asiatico, potrebbe succedere di tutto. Un errore di Marquez, unito a due podi di Rossi e Lorenzo, potrebbe riaprire i giochi per la vittoria finale, dall’altra parte una vittoria dello spagnolo chiuderebbe virtualmente i giochi per la corona. Cosa accadrà ad Aragon? La redazione di Derapate sta seguendo LIVE la gara. CLICCA QUI PER LA DIRETTA!

    Aspettative

    La gara di Aragon chiude l’estate europea della MotoGP 2016. Dopo la gara spagnola la classe regina volerà in Asia per il trittico di gare formato dai Gran Premi del Giappone, Australia e Malesia in tre weekend consecutivi dal 16 al 30 Ottobre. La MotoGP Aragon 2016 si preannuncia dall’esito incerto. Nelle ultime otto gare dell’anno abbiamo assistito a otto vincitori differenti e al momento risulta difficile scegliere chi sarà il prossimo vincitore (aumenterà a nove i vincitori differenti con Dovizioso sul gradino più alto del podio?). Yamaha e Honda sembrano aver le caratteristiche giuste per ambire alla vittoria ma anche Ducati e Suzuki hanno fatto dei progressi importanti per poter dire la loro anche in Spagna. Gli alfieri della Yamaha, se vogliono realmente mettere un po’ di pressione a Marquez, dovranno cercare di chiudere nelle prime due posizioni del podio e sperare che qualche pilota si inserisca a sorpresa tra il leader del campionato e le posizioni che contano della graduatoria finale. Dall’altra parte lo spagnolo della Honda sa che la vittoria del campionato è molto vicina e senza errori o cadute arriverà in breve tempo. Il rinato Pedrosa di Misano potrebbe aiutare lo stesso Marquez magari mangiando punti importanti ai due piloti della Yamaha, mentre le Ducati e le Suzuki proveranno a dare del filo da torcere come spesso è capitato nelle ultime gare del campionato. Ad Aragon ci sarà anche Nicky Hayden come pilota ufficiale del VDS Honda. L’americano, iridato nel 2006, sostituirà l’acciaccato Jack Miller.

    Il tracciato

    La Ciudad del Motor de Aragón, nota anche come Motorland Aragón, è un circuito motoristico situato ad Alcañiz, località della comunità autonoma spagnola dell’Aragona. Lungo 5 344 m, il circuito è stato progettato dal noto architetto tedesco Hermann Tilke in collaborazione con l’agenzia britannica Foster&Partners; consulente tecnico e sportivo del progetto è il pilota di Formula 1 Pedro de la Rosa. Il complesso è stato progettato per comprendere tre aree principali: il parco tecnologico, l’area sportiva e un’area culturale e per il tempo libero. Quello di Aragon è il terzo Gran Premio motociclistico stagionale a disputarsi in terra spagnola dopo Jerez e Barcellona. Il tracciato è formato da 17 curve, 10 a sinistra e 7 a destra, e il Gran Premio sarà composto da 23 giri complessivi. Nel 2015 fu Jorge Lorenzo a vincere davanti a Pedrosa e Rossi. Il giro veloce è stato siglato da Marquez nel 2015 in 1’46.635.