MotoGP Argentina 2016: tutti a caccia di Jorge Lorenzo

MotoGP Argentina 2016: tutti a caccia di Jorge Lorenzo
da in Circuiti MotoGP, Gp MotoGp, MotoGP 2017, MotoGP anteprima, MotoGP Argentina, Storia-MotoGP
Ultimo aggiornamento: Sabato 02/04/2016 18:37

    MotoGP Argentina 2016 – Dopo due settimane di pausa la MotoGP torna in pista per il Gran Premio d’Argentina, seconda prova del motomondiale. La gara si correrà sul circuito di Termas de Rio Hondo dove nel 2015 vinse Valentino Rossi dopo un duello nel quale Marc Marquez cadde a terra. Il weekend si preannuncia molto incerto per vari motivi: la storia a Termas de Rio è breve (appena due gare disputate qui ndr) e dopo il round del Qatar in molti sognano la vetta argentina. Riuscirà Jorge Lorenzo a difendersi dagli attacchi dei pretendenti? come si comporteranno gli pneumatici Michelin su questa pista? Per seguire il LIVE delle qualifiche della MotoGP Argentina 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    Bisogna ammettere che fare pronostici su quanto accadrà in pista è molto difficile. La breve storia argentina non ci fa sbilanciare su quale moto possa essere favorita. L’albo d’oro dice Marc Marquez, vincitore nel 2014 e Valentino Rossi campione nel 2015. Le Ducati, dopo il buon esordio nel Qatar, possono giocarsela anche a Termas de Rio Hondo dove già nello scorso anno conquistarono un bel secondo posto con Andrea Dovizioso. Il lungo rettilineo argentino potrebbe essere decisivo per la vittoria della Rossa di Borgo Panigale. Jorge Lorenzo, leader della classifica, nello scorso campionato ha faticato in Argentina ma con le coperture Michelin potrebbe ritrovarsi a lottare per la vittoria. Pedrosa e Iannone, dopo un esordio in Qatar in chiaro-scuro, sono chiamati subito ad una pronta risposta come per la Suzuki. La casa giapponese vuole mostrare nuovi progressi per giocarsela con i migliori.

    Il tracciato
    circuito termas de rio hondo argentina 3

    L’autodromo di Termas de Río Hondo è un circuito situato a Termas de Río Hondo, Argentina. Costruito nel 2007, ha ospitato le classi TC2000, Turismo Carretera e Formula Renault. La pista era stata pianificata per l’introduzione della MotoGP che avvenne nel 2014, dopo che fu posticipata di un anno per questioni politiche internazionali tra Repsol YPF e il Governo Argentino. Dopo una completa riprogettazione e ricostruzione da parte del progettista italiano Jarno Zaffelli, nel 2013 il circuito ha ospitato i test ufficiali della MotoGP e il round 15 e 16 del World Touring Car Championship, avendo ricevuto le omologhe della Federazione Internazionale di Motociclismo e della Federazione Internazionale dell’Automobile nel Maggio 2013. Il 27 aprile ha ospitato la gara valida per il motomondiale 2014: i vincitori sono stati Romano Fenati, Esteve Rabat e Marc Márquez rispettivamente in Moto3, Moto2 e MotoGP. Nel 2015 è stato Valentino Rossi a tagliare per primo il traguardo davanti a Dovizioso e Crutchlow. Il tracciato misura 4806 metri e conta 14 curve con 1076 metri di rettilineo. Il GP sarà formato da 25 giri e il record della pista appartiene a Valentino Rossi in 1’39″019.

    517

    PIÙ POPOLARI