MotoGP Assen 2015: il Processo al Gran Premio d’Olanda

MotoGP: Il Processo alla Gara

da , il

    Ben ritrovati per una nuova puntata della nostra consueta rubrica “il Processo al Gran Premio” volto ovviamente al Gran Premio d’Olanda della MotoGP 2015 vinto da Rossi su Marquez e Lorenzo. Ci è voluto un po’ di tempo per riavvolgere il nastro della gara e selezionare chi mandare sul banco degli imputati del nostro processo. Cominciamo da Marquez e le sue manovre, Ducati dai due volti, Suzuki bene al sabato, Aprilia sempre indietro. Prima dentro e partiamo!

    Marc Marquez: fermarlo o lasciar correre?

    ACCUSA: Prima o poi succederà qualcosa se Marquez non la smette con le sue manovre garibaldine. Anche in gara ha provato il sorpasso della disperazione e quasi si stendevano lui e Rossi. Non può dire di essere il vincitore morale della gara perchè le immagini parlano chiaro.

    DIFESA: E’ difficile porre un freno ad un pilota con quello stile di guida e quel modo di fare. D’altronde certe “bastardate” le ha imparate dal suo idolo Valentino Rossi…

    Ducati: bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto?

    ACCUSA: Non è più la moto scintillante di inizio stagione e si vede. Dovizioso fatica a tenere il passo dei primi e in gara rimane invischiato nella lotta per la 10^ posizione. Non può gravare tutto sulle spalle di Iannone che è al suo primo anno in un team ufficiale.

    DIFESA: In Ducati possono comunque sorridere per il quarto posto ottenuto da Andrea Iannone che lo mantiene in terza posizione nel Mondiale nonostante il recupero di Marquez…

    Suzuki: tutto bene, ma…

    ACCUSA: Accusa riproposta dopo Barcellona. Sempre bene al sabato, la domenica sempre qualcosa che non va e così si perdono punti importanti

    DIFESA: C’è di buono che almeno stavolta Aleix Espargarò non è caduto come a Barcellona, ma vederlo passare da secondo a nono fa un po’ riflettere…

    Marco Melandri: AAA cercasi disperatamente

    ACCUSA: Come per Barcellona, anche ad Assen prestazione imbarazzante di Melandri che riesce ad essere l’unico doppiato della gara. Lui e Bautista sembrano disputare due campionati diversi…

    DIFESA: C’è ben poco da difendere nell’ennesima prestazione imbarazzante…