MotoGP Assen 2017, Petrucci contro i commissari: “Perchè non hanno esposto la bandiera blu? potevo passare Valentino Rossi”

Danilo Petrucci si è scagliato contro i commissari che non lo hanno agevolato nel sorpasso dei doppiati nel giro finale. Il pilota di Terni è comunque soddisfatto del podio.

da , il

    Danilo Petrucci sfiora la vittoria e chiude il MotoGP Assen 2017 al secondo posto dietro a Valentino Rossi. Il pilota di Terni, sempre più a suo agio sulla Ducati Desmosedici GP17 della Pramac, ha colto il secondo podio stagionale dopo quello del Mugello. Il 26enne è parso molto deluso per aver solo sfiorato la vittoria. Petrucci ci ha creduto fino alla fine di riuscire a sorpassare Rossi nel giro finale e vincere la sua prima gara in MotoGP. Sulla sua strada ha però trovato due doppiati che lo hanno ostacolato e non è più riuscito ad attaccare il “Dottore” fino alla bandiera a scacchi. Ecco l’intervista di Danilo Petrucci e Marc Marquez sul podio del Gran Premio d’Olanda 2017.

    “Sono contento per il risultato ottenuto, ma sono un po’ arrabbiato perchè ho preparato bene il finale, ero pronto per gli ultimi tre giri e avrei attaccato Valentino Rossi – ha esordito Petrucci – Ho visto che eravamo da soli e sapevo di aver la possibilità di vincere il Gran Premio. Poi abbiamo trovato due doppiati, prima Barberà e poi Rins nell’ultimo giro. I commissari non hanno esposto la bandiera blu e non ho potuto attaccare perdendo tempo dietro di loro. Io e Rossi siamo arrivati praticamente insieme seppur abbia perso 3-4 decimi nei sorpassi, è un peccato”.

    Petrucci ha avuto anche un battibecco con Rins nel giro d’onore: “Si è arrabbiato perchè l’ho sorpassato nel giro finale, ma lui era un doppiato – ha continuato “Petrux” – non so cosa volesse da me”.

    Sul podio di Assen anche Marc Marquez. Lo spagnolo è scivolato al quarto posto iridato, ma ha ridotto il gap dalla vetta ad appena 11 lunghezze: “Qui ho fatto sempre fatica e aver recuperato punti è sicuramente positivo per me e la mia classifica. Sono felice per il risultato perchè è stata una gara molto dura”.

    Marquez è già proiettato alla Germania. La nuova classifica del mondiale è cortissima (Dovizioso 115, Vinales 111, Rossi 108, Marquez 104) e settimana prossima potrebbe risultare decisiva in vista della seconda parte di campionato: “Dobbiamo continuare cosi e lottare con gli altri per il titolo iridato. Abbiamo lavorato bene nel weekend e anche in Germania dovremo essere competitivi”.