MotoGP Assen. Macio, stavolta non ci siamo

Al Motogp di Assen, Marco Melandri, in sella alla sua Honda, proprio non riesce a soddisfare i vertici, ne tantomeno i tifosi del pilota italiano

da , il

    gresini melandri elias

    Altro che sorriso.

    Questo 2007 non sembra proprio voler funzionare per il team Gresini, cliente Honda.

    Risultati altalenanti per Marco Melandri che non fanno altro che buttarlo giù di morale, adesso l’infortunio a Toni Elias e, in generale, una moto che non va come dovrebbe.

    Nonostante una buona sessione di qualifiche che aveva visto Marco classificarsi in seconda fila a ridosso dei primi, il pilota ravenate ha poi perso posizioni in gara, chiudendo solo al decimo posto.

    Migliorano, intanto, le condizioni del pilota spagnolo Toni Elias, rientrato a Barcellona nella mattinata di sabato con un aereo medico insieme a due medici dello staff del Dottor Xavier Mir. Al suo arrivo a Barcellona, Toni Elias si è sottoposto a una visita nella clinica Dexeus.

    A fine gara, Marco Melandri e Fausto Gresini hanno dichiarato quanto segue:

    Marco Melandri: “Ho fatto una buona partenza, ma i problemi che hanno caratterizzato le prove sono rimasti e non potevo guidare come avrei voluto. Avevo tanto chattering e ho faticato moltissimo. Malgrado il mio grande impegno ho ottenuto soltanto un risultato deludente“.

    Fausto Gresini, Team Manager: “E’ stato un weekend difficilissimo, prima di tutto per l’incidente di Toni, a cui faccio i miei auguri di pronta guarigione. In Olanda la frattura è stata trattata bene e questa mattina è rientrato in Spagna. Un fine settimana difficile anche per Marco, che si era difeso bene sul bagnato, mentre su pista asciutta ha sofferto sia in prova sia nel warm up. Il risultato della gara conferma le difficoltà incontrate nei giorni delle prove“.

    Di sicuro nessuno in scuderia Gresini si aspettava un’annata del genere, persa tra le frustazioni di avere una moto inferiore alle ufficiali e quelle di dover restare sempre indietro, nonostante il grande potenziale dei piloti.

    Anche in questo caso, quale soluzione?