MotoGP Austin 2014, anteprima: riparte dal Texas la caccia a Marquez [FOTO e VIDEO]

A tre settimane dall'esordio in Qatar, la MotoGP torna in pista ad Austin, in Texas per la seconda gara dell'anno

da , il

    motogp 2014 austin anteprima circuito

    Riparte dal Texas e dal Gran Premio delle Americhe di Austin la caccia a Marc Marquez: tre settimane fa, nonostante il recente infortunio alla gamba destra e la quasi totale assenza dai test invernali, il campione del mondo in carica si è imposto all’esordio in Qatar, dimostrando di essere ancora l’uomo da battere della classe regina. Pole position al sabato e gara da veterano consumato la domenica per Marquez che ha sì approfittato della caduta di Lorenzo in avvio, ma ha poi saputo tenere a bada Pedrosa e soprattutto uno scatenato Valentino Rossi che ha dovuto accontentarsi della piazza d’onore. Saprà il Dottore confermarsi sugli ottimi livelli di Losail? Per seguire il LIVE delle prove libere 2 da Austin, basta CLICCARE QUI!

    Sono dunque Marc Marquez e Valentino Rossi i più attesi in Texas: dal campione di Tavullia ci si aspetta un’immediata conferma dopo la bellissima gara di Losail, chiusa al secondo posto dietro a Marquez. Subito dopo la gara in Qatar, lo stesso Rossi aveva chiarito di essere contento della prestazione, ma anche conscio del fatto che quel che conta è essere competitivi sempre, per poter lottare fino alla fine del Mondiale coi migliori. Obiettivo poi ribadito a chiare lettere la scorsa settimana da Valentino.

    Marc Marquez sarà invece chiamato a bissare la vittoria di tre settimane fa, ma anche a difendere il successo conquistato lo scorso anno qui ad Austin, nella prima edizione assoluta del Gran Premio delle Americhe. Una vittoria, ottenuta davanti a Pedrosa e Lorenzo, che lo consacrò come il più giovane pilota della storia a vincere una gara nella classe regina. “Ho lavorato duramente dopo Losail per presentarmi al meglio qui ad Austin – dice Marquez – e il circuito, oltre a piacermi molto, è abbastanza congeniale alla mia gamba destra e questa è un’ottima cosa, non essendo io ancora al 100%”.

    [sondaggio id="427"]

    Attesi al varco texano anche i piloti Ducati, dopo l’interlocutoria prova di Losail. Dopo i brillanti test invernali, Dovizioso e Crutchlow hanno steccato l’esordio stagionale, chiudendo solo quinto e sesto, nonostante le moltissime cadute in gara. Freschi di una tre giorni di test a Jerez in cui hanno potuto sperimentare l’elettronica full factory sulla propria Desmosedici Gp14, Dovizioso e Crutchlow sono pronti al difficile appuntamento di Austin. “Sappiamo che c’è ancora molto lavoro da fare e credo che alcune delle prossime piste saranno difficili per noi, a cominciare da quella texana di Austin. Però è un circuito che mi piace molto per le sue caratteristiche e non vedo l’ora di scendere in pista nel weekend” dice il Dovi.

    Fiducioso anche Cal Crutchlow, quarto in Texas lo scorso anno. “Andiamo con fiducia ad Austin, perché è una pista dove lo scorso anno sono riuscito a ottenere un buon risultato. Non vedo l’ora di guidare su questa pista anche con la mia GP14″.

    Essendo a inizio stagione, c’è ovviamente curiosità per capire se i piloti Open fanno sul serio e potranno dire la loro anche per vincere qualche gara, per scoprire come Jorge Lorenzo reagirà allo zero ottenuto in Qatar. Ma la gara di Austin avrà un sapore particolare per due veterani del circus che giocano in casa, Colin Edwards e Nicky Hayden. Il 32enne del Team Honda Aspar vuole vivere una gara da protagonista. “I Gran Premi di casa sono sempre speciali per tutto il supporto che riceviamo da parte dei tifosi – dice Hayden, ottavo all’esordio in Qatar – il circuito delle Americhe è incredibile, una vera opera d’arte, con nuove strutture e molto sicuro. E’ un tracciato lungo e largo, ma l’anno scorso non sono andato bene come mi aspettavo. Sono però convinto che quest’anno possiamo invertire completamente il nostro fine settimana: spero di ottenere un buon risultato affinché i tifosi siano orgogliosi di noi”.

    [sondaggio id="427"]