MotoGP Austin 2016: Andrea Iannone penalizzato di 3 posizioni dopo l’incidente in Argentina

MotoGP Austin 2016: Andrea Iannone è stato penalizzato di tre posizioni in griglia di partenza dopo l'incidente nel finale di gara della MotoGP Argentina 2016.

da , il

    Andrea Iannone è stato penalizzato in vista del MotoGP Austin 2016. Il pilota di Vasto è stato punito dalla Direzione di gara dopo l’incidente col quale ha messo fuori causa Andrea Dovizioso nell’ultimo giro del Gran Premio d’Argentina. Il ducatista sarà costretto a partire in Texas con tre posizioni di penalità nella griglia di partenza. Tutto previsto in quanto già lo stesso Iannone, nel post-gara di ieri, aveva dichiarato: “Mi spiace per quello che è successo e so che verrò sanzionato”. Iannone ha anche perso un punto sulla Patente FIM. La redazione di Derapate seguirà LIVE l’intera gara. CLICCA QUI PER SEGUIRE LA DIRETTA!

    Iannone penalizzato di 3 posizioni

    Per Iannone arriva dunque una penalità più che meritata. La manovra fatta a pochi metri dal traguardo del GP Argentina è stata da ‘cartellino rosso’. La scelta azzarda del Ducatista è stata commentata cosi dalla Direzione di gara: Iannone è stato «troppo ottimista» nell’effettuare quella manovra, si legge nel comunicato. «Il pilota ha perso il controllo della moto e quindi è finito in contatto con il compagno di squadra Andrea Dovizioso. Iannone verrà penalizzato con 3 posizioni in griglia di partenza del prossimo GP e un punto sulla partente FIM». Domenica 10 Aprile ad Austin, Iannone sarà dunque retrocesso di tre posizioni sulla griglia di partenza. Il ducatista dovrà cercare di fare il meglio possibile in qualifica se non vuole ritrovarsi a metà schieramento. La decisione dei giudici non deve aver colto di sorpresa lo stesso pilota in quanto, già nel post-gara di ieri, aveva commentato: “Molto probabilmente verrà punito per la manovra. Mi spiace molto per quello che è successo e chiedo scusa alla squadra che ha perso un doppio podio e a Dovizioso”. La scellerata manovra è costata carissima alla Ducati che ha gettato al vento la bellezza di 36 punti nella classifica team e 20 in quella Costruttori.