MotoGP Austin 2016, anteprima: Marc Marquez cerca l’allungo in Texas

MotoGP Austin 2016: l'anteprima del Gran Premio che si correrà in Texas Domenica 10 Aprile. Aspettative e curiosità del tracciato americano.

da , il

    Marquez

    MotoGP Austin 2016 – Dall’Argentina al Texas il passo è breve. Neanche il tempo di prendere fiato e la MotoGP scenderà subito in pista nel prossimo fine settimana per il GP di Austin, terza prova della stagione 2016.Marc Marquez, dopo la bella vittoria a Termas de Rio Hondo e la conquista della leadership del campionato, vuole cercare il primo allungo in stagione sul “circuito amico” texano. Valentino Rossi, trovato il primo podio stagionale in Argentina, è chiamato ad un ulteriore passo in avanti. Jorge Lorenzo arriva in America con tanta rabbia in corpo per la caduta argentina e lo stesso discorso vale per le Ducati e Vinales, che hanno sciupano un possibile podio nei giri finali a Termas. Ci sono tutte le premesse per un weekend ad alto tasso di emozioni e spettacolo. La redazione di Derapate seguirà LIVE l’intera gara. CLICCA QUI PER SEGUIRE LA DIRETTA!

    Aspettative

    La gara di Termas de Rio Hondo ha dato delle indicazioni da prendere con le molle. Il meteo e la gara “flag to flag” hanno scombussolato un po’ i valori in campo ma qualche indicazione interessante c’è stata. la prima si chiama Marc Marquez. Lo spagnolo, dopo i primi test di inizio anno, sembrava costretto ad una stagione in salita ed invece nel giro di due gare ha già vinto e trovato il 3° posto in Qatar. La Honda è ancora scorbutica ma lui la sta domando a differenza di Pedrosa. Marquez in Texas ha vinto le ultime tre gare (anche le uniche finora disputate su questo tracciato ndr), arriva da leader della classifica e per forza di cose sarà l’uomo da battere. Valentino Rossi è stato fortunato nel finale di Termas de Rio Hondo e sa che la dea bendata, come dà a volte può anche togliere. Al Dottore servirà un passo in avanti per vincere la prima gara stagionale. Le Ducati, dopo la frittata finale argentina, hanno le carte in regola per ambire nuovamente al podio. Iannone si dovrà far perdonare dell’erroraccio commesso. Ultimo ma non ultimo c’è Jorge Lorenzo, il maiorcano è caduto a Termas de Rio Hondo e vorrà sicuramente rifarsi anche se in Texas ha sempre faticato. Nessuna vittoria, 3° nel 2013, 10° nel 2014 e 4° nel 2015 non son di certo statistiche che fanno pensare ad un Lorenzo vincente. Il campione del mondo vuole ribaltare i pronostici.

    Il tracciato

    Il circuito delle Americhe (Circuit of the Americas) di Austin, in Texas, è un circuito motoristico statunitense. La prima corsa ufficiale disputatavisi è stata il Gran Premio degli Stati Uniti d’America 2012, 19ª gara del Campionato mondiale di Formula 1, vinta da Lewis Hamilton su McLaren.

    Il circuito a differenza di altri circuiti americani è stato costruito appositamente per ospitare una gara di Formula 1, è stato progettato dall’architetto tedesco Hermann Tilke, e la combinazione di curve iniziali ricorda molto le S veloci della prima parte del tracciato di Silverstone ed anche il curvone verso destra nell’ultima parte ricorda la curva 8 del tracciato di Istanbul.

    Il tracciato misura 5513 metri e conta ben 20 curve, di cui 8 a destra e 12 a sinistra e un lungo rettilineo prima di arrivare in curva 12. Suggestiva curva 1: si arriva in salita dal rettilineo principale per poi scendere verso curva 2.

    Marc Marquez detiene tutti i record del tracciato texano: unico vincitore, unico poleman ma anche il giro veloce in 2’02.135, il record del circuito 2’03.575 e la miglior pole 2’02.135.