MotoGP Austin 2016: le pagelle da 10 a 0

MotoGP Austin 2016: le pagelle da 10 a 0
da in Gp MotoGp, MotoGP 2017, MotoGP Austin, News MotoGP, Pagelle MotoGP, Piloti MotoGP 2017
Ultimo aggiornamento:

    MotoGP Austin 2016 – Nel fine settimana si è corso ad Austin il Gran Premio delle Americhe, terza prova della MotoGP 2016. In un GP condizionato da tante cadute è stato Marc Marquez l’assoluto protagonista. Tanti spunti positivi ma anche alcuni negativi che abbiamo voluto analizzare per Voi. Ecco le nostre pagelle: i buoni e i cattivi di questo terzo round della stagionale 2016. Girate le pagine per vedere i voti dati alle pagelle e team in questo primo weekend della MotoGP.

    Dopo il dieci a Termas de Rio Hondo, Marc Marquez prende il voto pieno anche ad Austin. Il Texas è diventata la sua seconda casa con quattro pole e quattro vittorie consecutive in altrettante apparizioni. La sua vittoria, tranne nei primissimi giri, non è mai stata in discussione. Un successo meritato e leadership del campionato sempre più salda.

    Jorge Lorenzo, dopo la caduta a Termas de Rio Hondo, si rifà con un bel secondo posto ad Austin. Il campione del mondo sfrutta gli errori e le cadute degli avversari per condurre in porto un bel risultato in solitaria. 20 punti utili per portarsi in 2^ posizione nella classifica generale.

    Dopo l’erroraccio in Argentina è stato molto criticato dai tifosi della Ducati e non solo. In qualifica aveva raggiunto il 4° posto, poi retrocesso al settimo per la penalità ricevuta a Termas, ma dopo l’inizio di gara si è portato subito nel gruppetto di testa. Con le cadute di Pedrosa e Dovizioso ha portato a casa un ottimo 3° posto, il primo podio stagionale e 16 punti. Un buon punto di partenza per il proseguo della stagione.

    Maverick Vinales ha chiuso la gara al 4° posto, conquistando il miglior risultato della sua giovane carriera in MotoGP. Lo spagnolo è stato in bagarre col suo team-mate Aleix Espargarò. Entrambi i piloti spagnoli hanno dato vita ad un bel duello e si sono meritati un bel 7 in pagella. Grazie a questo bel risultato la Suzuki Ecstar è salita al 3° posto nel mondiale Team.

    Sufficienza per l’Aprilia. La moto italiana è riuscita a portare nuovamente a punti entrambi i piloti con Bradl 10° e Bautista 11°. Due buoni risultati che danno entusiasmo in vista del proseguo del campionato e delle imminenti gare europee. L’Aprilia Gresini sta crescendo passo dopo passo.

    L’inglese ha chiuso la gara al 17° posto dopo una caduta a metà gara.

    Un peccato per il pilota della Tech3 Yamaha che ha cosi detto addio al suo sogno di raggiungere il record di più gare consecutive a punti. L’inglese non finiva fuori dalla zona-punti dal GP della Gran Bretagna del 2014.

    Tito Rabat ha chiuso al 13° posto il Gran Premio di Austin. Un risultato un po’ deludente per il pilota del Marc VDS Honda. Lo spagnolo sta faticando in questo inizio di stagione e sembra che stia subendo il passaggio dalla Moto2 alla MotoGP. In tre gare solo 11 punti e il 17° posto nella classifica generale.

    Dani Pedrosa ha rovinato la sua gara e quella di Dovizioso durante la caduta. Lo spagnolo, fortunato a Termas de Rio Hondo con un podio immeritato, ha chiuso la prova americana con uno zero in classifica. Anche quest’anno sembra destinato ad una stagione da spettatore.

    Il britannico ha iniziato la stagione con tre cadute in tre gare. Un po’ troppe per un pilota che guida la Honda clienti del team LCR. In questo scorcio di stagione è l’unico pilota, insieme a Danilo Petrucci che però non ha ancora preso parte a nessuna gara, fermo a zero punti. In Europa serviranno risultati se vuole essere confermato in MotoGP.

    Insufficienza netta per Valentino Rossi. Il Dottore è caduto ad inizio gara per un problema di surriscaldamento della frizione. Errore in partenza, errore nel recupero e addio alla gara. Ora il gap da Marquez è salito a 33 punti e servirà invertire la rotta per non vedere subito sfumare i sogni di gloria mondiale.

    Andrea Dovizioso è nelle vesti di Paperino. Dopo il podio di Losail, due cadute consecutive per colpa di altri piloti. Il pilota italiano ha la sfortuna di trovarsi sempre al momento sbagliato nel posto sbagliato ossia nelle traiettorie di piloti in caduta. Ieri Dovi ha rischiato di farsi molto male ma per fortuna, il tutto si è risolto con un bello spavento e zero punti in classifica.

    846

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Gp MotoGpMotoGP 2017MotoGP AustinNews MotoGPPagelle MotoGPPiloti MotoGP 2017
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI