MotoGP Australia 2011: la pagella del giorno dopo

Anche il GP di Australia 2011 è andato in archivio con la vittoria di Casey Stoner che sancisce la conquista del secondo titolo mondiale

da , il

    Il Gran Premio d’Australia 2011, terz’ultima prova del Motomondiale 2011, si è consumato con l’ennesima vittoria di Casey Stoner, il quale conquista anche il titolo mondiale. Gara da urlo per Marco Simoncelli, secondo e il connazionale Andrea Dovizioso che sale sul gradino più basso del podio. Assenti le Yamaha ufficiali, mentre si sono ritirati Valentino Rossi e lo spagnolo della Suzuki, Alvaro Bautista.

    Casey Stoner-10- Il pilota australiano domina la gara di Philip Island dall’inizio alla fine e conquista a pieno merito il titolo mondiale davanti ai suoi tifosi australiani. Semplicemente splendido vedere come fa derapare la Honda tra le curve del circuito, praticamente imprendibile e inarrestabile. Conferma il trand della stagione con un’altra vittoria e regale il titolo alla HRC che mancava dai tempi di Hayden 2006. Master Stoner

    Marco Simoncelli-8.5- Il centauro della Honda satellite riesce a condurre una gara seguendo una precisa strategia: conquistare il podio. Gara difficile per il Sic, ma anche tanta gioia quando sale sul secondo gradino del podio. Solito duello contro l’onorevole Andrea Dovizioso e ancora una volta è proprio Marco a prevalere sul connazionale della Honda ufficiale. Sic, forza e merito

    Andrea Dovizioso-8- Il forlivese della Honda si fa soffiare il secondo gradino del podio dalla sua bestia nera: Simoncelli. Non è la prima volta, infatti, che il Dovi si fa soffiare la piazza dal connazione in veste satellite. La sua gara rimane comunque ottima e da incorniciare, visto che serve a saldare la terza posizione in classifica mondiale. Dovi Power

    Dani Pedrosa-6.5- Lo spagnolo del team Repsol, non riesce ad opporsi alla voglia di vincere del collega australiano, oggi campione del mondo, con la sua speciale partenza missile. Gradualmente sembra calare durante la gara australiana e alla fine perde anche la possibilità di conquistare il podio. Pedrosa fa il compitino

    Colin Edwards-6- Il campione statunitense della Yamaha clienti giunge quinto nel GP d’Australia davanti a De Puniet e alla prima Ducati di Nicky Hayden. Almeno riesce a stare in piedi e a concludere una gara che fin dal warm-up è sembrata una corsa ad esclusione. Colin, puntuale e Preciso

    Valentino Rossi-4- Giornata nera per l’italiano della Ducati, l’ennesima. Questo la dice lunga sull’andamento di Rossi in gara e sulla somma delle aspettative deluse nel 2011, puntualmente confermate ad ogni tragica gara. Praticamente, la Ducati e Rossi sono riusciti nell’impresa di peggiorare la Desmo vista nelle prime apparizioni della MotoGP, che comunque si difendeva, consentendo a Rossi di guadagnare qualche punto mondiale e anche un podio fortunato ed unico. Doveva essere una gara quantomeno tranquilla su un tracciato favorevole alla Rossa e a Valentino e invece tutti giù per terra: l’undicesimo tonfo dell’anno. Gara da buttare. Rossi Patatrack