MotoGP Australia 2015: le Pagelle del Gran Premio di Phillip Island

MotoGP: Le Pagelle della Gara

da , il

    MotoGP Australia 2015 pagelle

    Terzultima puntata della nostra consueta rubrica “le Pagelle del Gran Premio” ovviamente incentrate sull’epica gara della MotoGP Australia 2015 da Phillip Island che ha visto la vittoria di Marc Marquez davanti a Jorge Lorenzo e Andrea Iannone. Difficile dare i voti ai primi quattro dopo questa epica battaglia, comunque ci abbiamo provato. Sfogliate le pagine per le pagelle del Gran Premio d’Australia.

    Le pagelle

    MotoGP Australia 2015 gabbiano Iannone

    Marc Marquez 10: 50 vittorie in carriera a 22 anni di età non è niente male. Quello che fa per tutta la gara ma soprattutto all’ultimo giro ha dell’incredibile! Nonostante il dito ancora non in perfette condizioni, ricuce lo strappo da Lorenzo e lo passa all’ultima staccata possibile, quella della 10 e va a prendersi la sua prima vittoria a Phillip Island in MotoGP. EPICO

    Jorge Lorenzo 10: meriterebbe qualcosa in meno per gli screzi con Iannone nel post qualifiche e le sue continue lamentele per ogni cosa. Ma con una gara così puoi non dargli 10 per lo spettacolo che ci hanno regalato? Trova anche il modo di piagnucolare a fine gara per la gomma anteriore troppo deteriorata che non gli ha permesso di difendersi da Marquez…NON CAMBIA MAI

    Andrea Iannone 10: se a Motegi il Samurai era Pedrosa, oggi è Andrea Iannone da Vasto. Il pilota Ducati partecipa attivamente alla lotta per la vittoria con anche sorpassi da antologia e non lo ferma neppure il gabbiano kamikaze centrato alla curva 10. Terzo podio in MotoGP per il pilota Ducati, sempre più il futuro di Borgo Panigale. INDIAVOLATO

    le pagelle

    Valentino Rossi 9,5: mezzo voto in meno per le qualifiche ballerine e una moto non perfetta al contrario di quella del compagno di box. Si unisce anche lui alla lotta per la vittoria ma finisce per restare giù dal podio, podio almeno per questa gara a quattro posti visto lo spettacolo offerto. Rimane in testa alla classifica con 11 punti di vantaggio su Lorenzo a 2 gare dalla fine. FORTUNATO

    Maverick Vinales 8: su una pista teoricamente non per la Suzuki, il rookie spagnolo si esalta e resta per tutta la gara incollato alle più performanti Honda di Crutchlow w Pedrosa. Porta a casa un sesto posto che vale oro nell’economia del suo campionato da rookie. BEST ROOKIE

    Dani Pedrosa 7: da Samurai a indecifrabile il passo è breve. Attraversa comunque un buon momento di forma dopo aver passato una stagione infernale tra infortuni e problemi vari. Risultati che lo possono rilanciare in chiave 2016. CAMOMILLO

    Cal Crutchlow 7: lo show man di Motegi stavolta non si è visto, ma almeno si è visto un Cal combattivo al punto giusto come negli anni passati. Come cambiano le cose nell’arco di 365 giorni…da ritirato (2014) a settimo (2015)…MIGLIORATO

    Le pagelle

    Alvaro Bautista 6,5: porta nuovamente a punti l’Aprilia con un bellissimo weekend e un finale di stagione in crescendo in ottica 2016. Lo spagnolo questa volta sta di nuovo davanti a Bradl

    Jack Miller 6: prima vittoria in classe Open per il padrone di casa. Il buon Jack non combina guai questa volta e porta la sua Honda al traguardo in 15^ posizione dietro all’Aprilia di Bautista.

    Andrea Dovizioso 5: la nota stonata in casa Ducati. Un mare di problemi per il pilota di Forlimpopoli che chiude in 13^ posizione addirittura dietro alla Ducati Pramac di Danilo Petrucci.

    Menzione speciale: il gabbiano kamikaze. Ormai una costante a Phillip Island trovare sulla pista i gabbiani che sostano e ogni tanto vengono colpiti dalle moto. Anche oggi un gabbiano centrato dalla moto di Andrea Iannone con il pilota di Vasto lucido nell’abbassare la testa per evitare di essere colpito in testa dallo stesso gabbiano.