MotoGP Australia: parlano Stoner, Capirossi e Vermeulen

Tra pochi giorni si correrà sul circuito di Phillip Island il GP d'Australia valido per il campionato MotGP del motomondiale: la Ducati Marlboro ritrova uno Stoner in gran forma, mentre la Suzuki punta su un altro australiano (Vermeulen) e un veterano (Capirossi)

da , il

    Tra pochi giorni si correrà sul circuito di Phillip Island il GP d’Australia valido per il campionato MotGP del motomondiale: la Ducati Marlboro ritrova uno Stoner in gran forma, mentre la Suzuki punta su un altro australiano (Vermeulen) e un veterano (Capirossi).

    Dopo il suo rientro in Portogallo, Casey Stoner pensa intensamente all’Australia, GP che ha vinto nelle ultime due edizioni.

    Sul circuito di Estoril è arrivato secondo al termine di una gara eccellente e questo non può che fargli bene al morale, insieme al fatto che correrà nel suo paese.

    Non mi aspettavo di far così bene a Estoril pensando che fino a due settimane prima della gara avevo problemi simili a quelli riscontrati due mesi fa,” afferma il pilota Ducati, “Adesso possiamo guardare avanti e andremo a Phillip Island cercando di esser competitivi.

    Anche il pilota ventisettenne della Rizla Suzuki, Chris Vermeulen, corre davanti al suo pubblico ed è motivatissimo a non incorrere in delusioni come quella dell’anno scorso, quando è uscito al primo giro a causa di un incedente; anzi, cercherà di replicare il podio ottenuto nel 2006.

    La gara di casa è sempre eccitante, perché i miei amici e la mia famiglia sono qui, ed è sempre bello correre davanti al proprio pubblico,” ha dichiarato l’australiano, “A Estoril abbiamo fatto dei passi in avanti in percorrenza di curva, perciò spero possa servire anche in questa pista. Il lungo rettifilo sarà un osso duro, ma tenteremo di rimanere in scia. Adoro Phillip Island e spero di divertirmi.

    L’altro pilota della Suzuki, l’italiano Loris Capirossi, è invece un veterano del circuito, dove ha corso per undici volte, ottenendo sei podi e cinque partenze in prima fila (nel 1990 vi ha anche ottenuto la prima vittoria in 125) e di sicuro cercherà di riscattarsi dopo la delusione di Estoril: “Sono ancora amareggiato per ciò che è successo all’Estoril, ma sono fiducioso di fare molto meglio che in passato in Australia, per via dei passi in avanti fatti in Portogallo. Ho avuto una gara tosta a Phillip Island nel 2008, ma abbiamo migliorato i nostri tempi sul giro, e con la nuova moto penso possiamo fare un buon risultato.