MotoGP Austria 2017, Valentino Rossi in conferenza stampa: “la nuova carena non adatta a questo GP”

Il pilota di Tavullia è ottimista in vista del Gran Premio d'Austria della MotoGP. Valentino Rossi vuole tornare a lottare per il podio, ma non pensa di utilizzare la nuova carena provata ai test.

da , il

    MotoGP Austria 2017, Valentino Rossi in conferenza stampa: “la nuova carena non adatta a questo GP”

    Valentino Rossi è intervenuto durante la conferenza stampa del MotoGP Austria 2017. Il pilota di Tavullia, dopo il quarto posto di Brno, è restato in quarta posizione nel mondiale piloti con un ritardo di 22 lunghezza dal leader Marc Marquez.

    Il “Dottore”, con ancora otto gare da disputare, è fiducioso e voglioso di provare a lottare fino alla fine per la vittoria del decimo titolo iridato. L’impresa non sarà delle più semplici, in particolar modo se lo spagnolo della Honda non dovesse commettere errori da qui fino all’ultimo GP, ma l’entusiasmo non manca al nove-volte campione del mondo del motomondiale. La redazione di Derapate sta seguendo la gara. CLICCA QUI per seguire il Gran Premio della MotoGP Austria 2017 con risultati e classifica LIVE in diretta web!

    Quella del Red Bull Ring è una pista veramente veloce e bisogna essere concentrati al 100% per sfruttarla al meglio – ha spiegato il numero 46 della Yamaha – nel complesso è divertente da guidare perchè ci sono frenate importanti e tante accelerazioni. Voglio essere competitivo come lo sono stato a Brno e conquistare un bel risultato“.

    Valentino Rossi ha poi parlato dei test e della nuova carena: “Non credo la useremo a Spielberg perchè non è adatta a questa pista, però vedremo. Sicuramente dovremo stare attenti al meteo perchè sarà variabile e sotto questo aspetto dobbiamo ancora migliorare molto. A Brno non pensavo di dovermi fermare cosi presto, abbiamo ritardato e abbiamo pagato l’errore. Se fossi partito con gomme d’asciutto probabilmente avrei vinto“.

    Il Dottore ha spiegato le sue sensazioni in vista del GP: “Penso che le Ducati partano come favorite, ma quest’anno stanno cambiando tutti i valori rispetto all’anno scorso. Se le Desmosedici dovessero risultare molto competitive, oltre a Dovizioso, sicuramente saranno da tenere in considerazione anche Lorenzo e Petrucci. Però bisogna vedere domani in pista i valori delle varie moto“.