MotoGP Barcellona 2014, Rossi: “siamo sulla strada sbagliata, non sono veloce”

Non è per nulla soddisfatto Valentino Rossi al termine della prima giornata del week end di Barcellona, dove domenica si corre la settima prova del Mondiale 2014 di MotoGP

da , il

    MOTO PRIX ESP CATALUNYA

    Non è per nulla soddisfatto Valentino Rossi al termine della prima giornata del week end di Barcellona, dove domenica si corre la settima prova del Mondiale 2014 di MotoGP. Il Dottore ha chiuso quarto la sessione mattutina di libere e addirittura sesto nel pomeriggio, lontano dalla Yamaha Tech 3 di Bradley Smith. “Abbiamo preso una strada sbagliata che mi ha fatto perdere tempo e per questo non sono riuscito a essere veloce” ha detto scuro in volto Rossi che spera di andare meglio domani in qualifica per evitare i problemi di traffico nei primi giri del Mugello.

    Mezzo secondo dalla Yamaha Tech 3 di Bradley Smith nel pomeriggio, sette decimi dalla FTR Open di Aleix Espargaro al mattino, col sesto e il quarto tempo assoluti rispettivamente. Non è andata benissimo la prima giornata del Gran Premio di Catalunya per Valentino Rossi che al termine della sessione pomeridiana di libere ha esternato tutto il suo disappunto. “Non è andata bene, non sono a posto con la moto e non sono riuscito a essere veloce come volevo – dice Rossi – col caldo del pomeriggio abbiamo optato per una strada che si è invece rivelata sbagliata e mi ha fatto andare in difficoltà. L’unica cosa positiva è che abbiamo provato tutte le gomme per capire quali usare in gara. Qui sono davvero tutte sotto stress, dietro scivola molto e abbiamo dubbi anche riguardo a quella davanti”.

    Meglio di Rossi, ma nemmeno troppo, ha fatto il suo compagno di scuderia Jorge Lorenzo, beffato al mattino da Aleix Espargaro nel finale e quarto al pomeriggio. “Al mattino siamo andati bene – le parole di Lorenzo – e per questo non mi aspettavo così tante difficoltà al pomeriggio, ma la pista era molto più calda e abbiamo avuto problemi di grip e durata delle gomme”. Come Rossi, poi anche lo spagnolo focalizza l’attenzione sulla gara di domenica. “Dovremo decidere quali gomme usare davanti e dietro e cercare di rendere la moto più stabile in accelerazione”.

    Fa notizia che non sia davanti a tutti il campione del mondo in carica Marc Marquez, solo quarto nella classifica combinata dei tempi tra Fp1 e Fp2, ma comunque ottimista per domani e domenica. “Nonostante non sia in testa, sono contento di come è andato questo primo giorno di prove perché ho fatto buoni progressi. Nella prima sessione ho incontrato delle difficoltà, me al pomeriggio siamo migliorati e questo ci ha permesso di trovare una direzione chiara per domani. Penso che questa sia la cosa più importante della giornata”, ha spiegato Marquez.