MotoGP Brno. Elias vince la sua battaglia personale.

MotoGP Brno

da , il

    toni elias gresini

    Titola così gresiniracing il risultato di Toni Elias sul circuito di Brno.

    Melandri costretto a dare forfait per un’ernia al disco espulsa tra la 5° e 6° cervicale.

    Toni Elias è riuscito nella sua battaglia personale: tornare in pista a meno di due mesi dalla caduta di Assen, recuperando in tempi record la frattura scomposta al femore sinistro.

    Il pilota spagnolo, partito dalla quinta fila del GP della Repubblica Ceca, ha dato il massimo nonostante il dolore alla gamba. Rimasto nel gruppo con West, Guintoli, Checa e Barros, Elias è riuscito a finire la gara con un meritato 11esimo posto.

    Gara al muretto per Marco Melandri, costretto a dare forfait a causa di un’ernia al disco espulsa a sinistra tra la 5° e 6° vertebra cervicale.

    TONI ELIAS (11° in gara, 13° in campionato con 54 punti): “Sono molto stanco, ma soddisfatto di essere riuscito a portare a termine la gara. Considerate le mie condizioni fisiche, un undicesimo posto non è male. La pista di Brno, caratterizzata da frequenti cambi di direzione, è molto impegnativa ed ho faticato molto in gara per il dolore alla gamba. Adesso ho due settimane di lavoro per proseguire la riabilitazione e prepararmi per Misano, la gara di casa della mia squadra. Il reparto corse della Gresini Racing infatti si trova a San Clemente, a pochi chilometri dal circuito”.

    MARCO MELANDRI (6° in campionato con 113 punti): “E’ stato un po’ frustante guardare la gara dal muretto. Durante la pausa estiva ho lavorato molto per recuperare la frattura all’astragalo sinistro. A seguito della caduta di Laguna Seca il collo mi faceva male, ma non potevo immaginare che sarebbe stato proprio un problema al collo a costringermi allo stop qui a Brno. Venerdì mattina infatti, durante le libere, mi è uscito una piccola ernia tra la 5° e 6° vertebra cervicale che è andata a comprimere il nervo, ho perso forza al braccio e mano sinistra e sono rientrato a fatica ai box. La risonanza magnetica ha accertato una piccola ernia e nonostante le cure intensive in clinica mobile non ho potuto prendere parte alle qualifiche perché il dolore era troppo forte. Adesso voglio pensare solo a recuperare quanto prima per essere in forma a Misano, dove si corre domenica 2 settembre”.