MotoGP Catalunya 2011: Simoncelli avanti nonostante le minacce

Simoncelli giunge sul tracciato di Montmelò dopo la gara francese dove il contatto con Pedrosa ha provocato la frattura della clavicola allo spagnolo ed un sacco di polemiche

da , il

    Sic contestato in spagna

    Il pilota del Team Honda Gresini, Marco Simoncelli sbarca a Barcellona con l’intenzione di buttarsi alle spalle il celebre contatto con Dani Pedrosa nel Gran Premio di Francia 2011. Da quel momento Super Sic ha subito attacchi da ogni dove e quasi tutti i piloti spagnoli lo hanno identificato come un centauro dalla guida aggressiva e e pericolosa, senza contare le minacce ricevute alla vigilia dello sbarco a Montmelò. Unico obbiettivo è andare avanti.

    Continua la crociata contro Simoncelli che continua a ribadire di non essere stato scorretto nell’incidente con Pedrosa e che rifiuta la scomoda etichetta di rider scorretto. Super Sic vuole pensare al futuro e lanciarsi sul circuito di Barcellona dove ha già vinto in classe 250cc e sul quale cercherà di confermare il suo stato di forma.

    Nonostante questo, sono arrivate addirittura delle minacce e la direzione gara della Fim ha convocato Marco per un chiarimento sui fatti di Le Mans. E’ necessario, stigmatizzare un unico episodio e crocifiggere il Sic? Noi crediamo di no e allo stesso modo l’ex pilota della Gilera: “ho pensato parecchio alla gara di Le Mans. Sono ancora dispiaciuto per quel che è accaduto a Dani e spero che per questo week-end si sia già ripreso dall infortunio. Ho riflettuto, ho capito dove ho sbagliato ed in futuro cercherò di valutare meglio la situazione ed essere un pò più cauto. Sò che a Barcellona probabilmente non riceverò una standing ovation, ma spero che, se sarò criticato questo avvenga in maniera civile e non come avviene in altri sport. In ogni caso, vorrei lasciarmi alle spalle le varie polemiche, salire sulla mia moto ed iniziare a lavorare per la gara”.