MotoGP Catalunya: Stoner adesso vuole vincere

Fino a questo momento, la stagione di Casey Stoner è stata al di sotto di tutte le aspettative, ma dopo il recente podio conquistato nell'ultimo appuntamento di Assen, l'australiano sembra aver ritrovato la forza necessaria per puntare alla vittoria

da , il

    La MotoGP di Casey Stoner, fino a questo momento, è stata senza ombra di dubbio deludente e priva di vittorie, ma il podio conquistato nell’ultimo Gran Premio di Assen, il primo del 2010, potrebbe rappresentare il momento chiave della svolta per l’australiano della Ducati. In prospettiva della gara che si svolgerà domenica sul circuito di Montmelò, l’iridato del 2007 spera di risolvere alcuni dettagli tecnici sulla propria moto e ottenere la prima vittoria stagionale. Questo per lanciare un segnale importante nel circuito casalingo del pilota della Yamaha, Jorge Lorenzo.

    Fino a questo momento, il Motomondiale dell’australiano Casey Stoner è stato al di sotto di tutte le aspettative, ma dopo il recente podio conquistato nell’ultimo appuntamento della classe regina, sul tracciato internazionale di Assen, l’iridato mondiale del 2007 sembra intenzionato a puntare alla posta grossa: la vittoria.

    Ora che la carovana della MotoGP si sposta a Barcellona, nella tana del leader mondiale, Jorge Lorenzo, Stoner non può assolutamente permettersi di fallire ancora dopo le due cadute di inizio anno e i deludenti piazzamenti che son arrivati nelle successive gare.

    Il centauro della Desmosedici spera di riuscire a risolvere alcuni dei problemi che, di solito, la Desmo16 soffre sulla pista iberica ed essere competitivi: “stiamo migliorando, ma abbiamo bisogno di ottenere dei buoni risultati. Sarebbe bello cominciare a farlo in Catalogna”.

    Anche se la Ducati non ha più la supremazia, in termini di velocità di punta e di motore, sulle case motociclistiche concorrenti, sarebbe fondamentale riuscire ad ottenere un buon risultato, almeno per dar seguito al podio conquistato in terra olandese: “in passato abbiamo fatto delle gare fantastiche e altre meno belle, ma generalmente è una pista che mi piace molto, una di quelle a cui sono più affezionato. Il layout è molto bello, molto classico, ma per la nostra moto a volte è stato un problema trovare un buon grip. Dobbiamo cercare di riuscirci quest’anno e spero di potermi divertire perché normalmente lì le gare sono molto combattute”.

    Tra l’altro, dopo l’infortunio di Valentino Rossi e dopo aver assistito ad un dominio dello spagnolo, Lorenzo, sulle gare fin qui disputate, Casey è l’unico rider in circolazione che ha la moto e soprattutto il talento per opporsi allo strapotere del numero 99 della M1.