MotoGP Germania 2015, Valentino Rossi: “devo tenere il passo di Marquez” [FOTO]

MotoGP Germania 2015, Valentino Rossi: “devo tenere il passo di Marquez” [FOTO]
da in Interviste MotoGP, MotoGP 2017, MotoGP Germania, Prove libere MotoGp, Sachsenring Germania MotoGp, Valentino Rossi
Ultimo aggiornamento: Domenica 12/07/2015 14:05

    Valentino Rossi durante le Libere 2

    Marc Marquez è stato il grande mattatore del Venerdi di Prove Libere del Gran Premio di Germania 2015. Il campione del mondo ha fatto segnare il miglior tempo della mattina e anche quello del pomeriggio risultando il migliore del lotto. Lo spagnolo sembra aver ritrovato la disinvoltura e l’affinità perduta con la sua Honda tanto da riuscire a guidarla al limite senza problemi. In ottica campionato, a meno di clamorosi harakiri dei due piloti Yamaha, sembra improbabile un rientro in gioco dello spagnolo per vittoria del titolo ma un Marquez cosi potrebbe togliere punti ai due contendenti con una certa semplicità. Valentino Rossi, a dispetto di Assen dov’è stato veloce fin dalla prima sessione, non ha trovato il giusto setup per la sua M1. Il leader del campionato ha chiuso al 7° posto dopo che è stato superato da diversi piloti che hanno montato gomma morbida per il ‘time-attack’ sul finire delle Libere 2. Girate la pagine per leggere l’intervista del numero 46 della MotoGP. Per seguire il LIVE della gara della MotoGP Germania 2015, BASTA CLICCARE QUI!

    Valentino Rossi, come dicevamo in precedenza, non è parso troppo veloce nè sul giro veloce nè sul passo gara: “Sono un po’ indietro perché qualcuno ha usato le gomme morbide sul finire della sessione 2- ha spiegato il campione di Tavullia- ma è andata abbastanza bene. I nostri rivali hanno girato sul tempo di 1’21″ alto mentre io ho segnato dei crono di 1’22” basso. Dobbiamo migliorare anche se nell’ultimo run con gomme usate sono stato più veloce”. La M1 non sembra comunque pronta per vincere il Gran Premio e bisognerà apportare delle modifiche per migliorare il setup: “Dobbiamo far curvare meglio la moto e quindi servono degli aggiustamenti per togliere il sottosterzo. Oggi siamo partiti da una buona base ma c’è tanto da lavorare per essere al top. Su questo tracciato di solito è più facile guidare la moto al mattino, poi quando si alza la temperatura e si devono usare le gomme dure diventa più difficile. Il mio ritmo è buono ma dobbiamo forzarlo per avvicinarci a quello di Marquez.”

    427

    PIÙ POPOLARI