MotoGP Germania 2016, il processo alla gara

Il processo del Gran Premio della Germania MotoGP 2016. I lati positivi e negativi di questo nono Gran Premio stagionale.

da , il

    MotoGP Germania 2016 – Al Sachsenring si è assistito ad una gara intensa e ricca di colpi di scena inaspettati. La pioggia, il flag to flag, l’errore di Valentino Rossi e la vittoria in rimonta di uno scatenato Marc Marquez. Abbiamo analizzato ciò che è successo in pista e come di consuetudine, dopo ogni gara del motomondiale, abbiamo fatto il nostro processo. Ecco l’analisi dei lati positivi e negativi di alcune particolari situazioni emerse durante il Gran Premio.

    Marquez è fuga mondiale?

    ACCUSA: Marc Marquez vince e convince al Sachsenring. La vittoria, unita ai risultati non esaltanti di Rossi e Lorenzo, hanno lanciato lo spagnolo in vetta al campionato. Lo spagnolo si è infatti portato a +48 su Lorenzo e +59 su Rossi. Basterà per vincere il quinto titolo mondiale?

    DIFESA: Nove gare al termine della stagione sono ancora tante e gli inseguitori possono riuscire a raggiungere lo spagnolo. Valentino Rossi e Jorge Lorenzo però non dovranno più sbagliare da qui a fine campionato, sperando invece in qualche passo falso del numero 93 della Honda.

    Valentino Rossi, un errore che può valere un titolo

    ACCUSA: Valentino Rossi ha sbagliato al Sachsenring. Il Dottore, ingolosito dalla possibilità di vincere la gara, non ha badato alle indicazioni del box e ha girato troppi giri con le gomme da bagnato. Un errore che è costato carissimo perchè ora il pilota di Tavullia dovrà recuperare 59 punti che sono due gare e mezza di svantaggio. Marquez sbaglierà cosi tanto da qui a fine a stagione?

    DIFESA: Il Dottore a fine gara ha spiegato che il vero problema non è stata l’entrata ai box ritardata, ma la gomma intermedia che ha fatto fatica ad entrare in temperatura. Ora, quando mancano 9 gare al termine, serviranno una striscia di vittorie e qualche passo falso di Marquez per poter sperare di raggiungere il decimo titolo mondiale. La stagione è ancora lunga, ma Rossi non potrà più sbagliare.

    Jorge Lorenzo, chi lo ha visto?

    ACCUSA: Jorge Lorenzo, come ad Assen, ha corso una gara nelle retrovie. Il campione del mondo ha chiuso al 15° posto non riuscendo mai a stare nelle prime posizioni. Lo spagnolo ha colto solo 7 punti nelle ultime tre gare, contro gli 85 di Marquez. Lorenzo pensa già alla Ducati?

    DIFESA: Il campione del mondo ha un divario di 48 punti, tanti ma non troppi per sperare in un recupero nella seconda parte di stagione. Lo spagnolo, sopratutto nelle gare di fine campionato, ha sempre avuto un trend molto positivo e questo potrebbe essere ben augurante per lui. Ora però bisognerà trovare il bandolo della matassa durante la pausa estiva.

    Ducati manca sempre qualcosa

    ACCUSA: La Ducati, anche nella gara del Sachsenring, ha sfiorato la vittoria. Andrea Dovizioso è stato davanti per la maggior parte dei giri, ma poi si è dovuto accontentare del terzo posto. Come ad Assen è mancato l’ultimo step per vincere la gara. Arriverà la tanto agognata vittoria nella seconda parte di campionato?

    DIFESA: La Ducati ha una buona moto e la vittoria sembra ormai nell’aria. Dopo tanta sfortuna e qualche caduta evitabile nelle prime gare della stagione, i ducatisti (comprendendo anche Petrucci e Redding) sono stati nelle primissime posizioni sia ad Assen che al Sachsenring. Arriverà in Austria il primo successo della Rossa?