Motogp Germania: la parola ai protagonisti

Al Motogp di Germania 2009 e' stato nuovamente il Dottore a vincere su tutti i suoi avversari, in un'emozionante testa a testa con il compagno di squadra Jorge Lorenzo

da , il

    La gara del Sachenring ha visto l’ennesima vittoria di Valentino Rossi, la 101esima in carriera e la quarta in questa stagione 2009, che lo vede in testa alla classifica mondiale di quattordici punti sul suo compagno di squadra Jorge Lorenzo.

    La gara tedesca e’ stata molto dura, con un ritmo elevatissimo che non ha permesso la fuga di nessun pilota, nonostante tutti quelli che erano a turno in in testa ci abbiano provato. Alla fine, ancora una volta, nel duello finale, ha avuto la meglio Valentino Rossi che nei testa a testa contro Lorenzo quest’anno sta dimostrando di che pasta e’ fatto. Il pesarese e’ molto soddisfatto della sua prestazione ma e’ consapevole che per battere il suo compagno di squadra bisogna sudare ogni GP le famose sette camicie: “e’ stato divertente, ma anche molto difficile” – ha dichiarato l’otto volte campione mondiale, ed ha aggiunto – “quando sono finalmente riuscito a superare Stoner, mi sono accorto che Jorge era già dietro di me e ho pensato: “oh no!Un’altra volta!”. Ho provato a spingere al massimo, ma è riuscito a passarmi. Sono tornato all’attacco e quando l’ho passato sono stato bravo nell’ultimo giro in tutti i punti cruciali“.

    Nonostante l’ennesima batosta presa dal Dottore, Jorge Lorenzo non demorde e spera di tornare davanti a Rossi nei prossimi GP e di avere ancora tutte le possibilita’ di conquistare il titolo finale come ha confernmato a fine gara: “come a Montmeló abbiamo perso la battaglia, ma non è un problema. Credo che possiamo essere soddisfatti perché siamo sempre davanti e continuiamo a migliorare. È stata una gara difficile perché questa è una pista lenta e devi spingerti fisicamente al massimo, per questo mantenere il ritmo di Valentino non era per nulla facile. Era difficile sorpassarlo inoltre, poiché frena sempre con forza e molto tardi. Ovviamente sono deluso per aver perso un’altra gara così combattuta, ma abbiamo la consapevolezza di poter correre con Valentino e considerando la sua esperienza è qualcosa di cui essere orgogliosi. Ad ogni modo il Campionato è ancora lungo“.

    Il maiorchino ha ragione da vendere: il fatto di essere ad un passo dal campione pesarese deve essere uno stimolo per fare ancora meglio maturando quella esperienza che per vincere le gare agli ultimi giri e’ fondamentale.

    Terzo posto per Daniel Pedrosa e la sua Honda RC212V, che aveva nel polso i tempi dei suoi avversari, ma una condotta di gara troppo discontinua non gli ha permesso di battagliare per la vittoria fino agli ultimi giri. Queste le parole a fine corsa del pilota HRC: “Il podio è ottimo, ma credo che avremmo anche potuto vincere. Eravamo abbastanza forti per farlo, ma ho avuto un problema con l’anteriore, andrea (Dovizioso) ha avuto lo stesso problema e per questo posso esere soddisfatto di essere comunque salito sul podio, anche se il rammarico rimane“.

    Immagini da it.eurosport.yahoo.com.