MotoGP Germania: Stoner può fare il colpaccio

Casey Stoner è stato protagonista ieri di una grande prova durante le qualifiche del Gran Premio di Germania 2010: l'australiano della Ducati ha tenuto testa a Jorge Lorenzo (Yamaha) fino alla fine, ma si è dovuto accontentare del secondo tempo

da , il

    Casey Stoner - GP Germania 2010

    Sul circuito di Sachsenring la Ducati di Casey Stoner ha dimostrato di poter tranquillamente dare battaglia alla Yamaha del leader della MotoGP, lo spagnolo Jorge Lorenzo: nelle qualifiche di ieri l’australiano ha ottenuto un secondo posto dopo essere stato per tutte le prove libere uno dei rider più veloci della pista, e nel Gran Premio di Germania di oggi Stoner ha una buona opportunità di conquistare la prima vittoria di questa (per lui) strana e poco soddisfacente stagione del Motomondiale, l’ultimo in sella alla rossa di Borgo Panigale.

    Casey Stoner è stato protagonista ieri di una grande prova durante le qualifiche del Gran Premio di Germania 2010: l’australiano della Ducati (e ormai futuro rider della Honda) ha tenuto testa a Jorge Lorenzo (Yamaha) fino alla fine, ma si è dovuto accontentare del secondo tempo anche a causa di un rallentamento provocato da Colin Edwards nel finale delle qualifiche.

    Siamo progrediti gradualmente durante il week-end. Siamo partiti in modo abbastanza competitivo e passo dopo passo siamo migliorati,” ha commentato Stoner al termine della sessione di qualifica, “Le condizioni del tracciato erano migliori oggi, con le temperature più basse ed ovviamente molta più gomma lasciata sulla pista, che ha certamente aiutato. Siamo riusciti a mettere assieme un buon giro alla fine ma sono stato fermato da Colin Edwards alla penultima curva e perso un po’ di tempo di vitale importanza.”

    Sono rimasto un po’ deluso di non aver ottenuto la pole per un così piccolo margine ma forse avrei dovuto provare a passarlo prima e le cose sarebbero state diverse,” ha continuato il rider della Desmosedici, “Dopo aver detto ciò dobbiamo comunque essere contenti oggi, partiamo dalla prima fila e mi sento bene in prospettiva di domani, quindi dobbiamo attendere e vedere cosa succede.”