MotoGP Germania: Valentino Rossi c’è e si vede!

Siamo prossimi all'appuntamento tedesco del Motomondiale 2010 sul teatro del Sachsenring e il vero protagonista assoluto dell'evento, è il ritorno in pista del campione del mondo, Valentino Rossi

da , il

    Il campione del mondo della MotoGP, Valentino Rossi è uno dei protagonisti assoluti della conferenza stampa che precede il Gran Premio del Sachsenring. Quindi, le luci della ribalta sono tutte per il pilota di Tavullia che ritorna in pista a quarantuno giorni dalla frattura di tibia e perone della gamba destra subita sul circuito amico del Mugello. Un recupero lampo che ha sorpreso il mondo intero e che aggiunge un pizzico di pepe in più su un Motomondiale privo di spunti e piloti in grado di fare la differenza sul lanciatissimo pilota spagnolo della YZR-M1, Jorge Lorenzo.

    Siamo prossimi al Gran Premio di Germania 2010 che avrà luogo sul tracciato internazionale del Sachsenring e il vero protagonista assoluto dell’evento, è il ritorno in pista del campione del mondo, Valentino Rossi dopo il terribile crash del Mugello.

    Rossi ritorna in pista dopo appena 41 giorni dall’infortunio a tibia e perone che ne ha pregiudicato le chances di lottare per il suo decimo titolo iridato contro il suo team mate, Jorge Lorenzo.

    Durante la conferenza stampa che precede l’inizio delle ostilità, tutte le attenzioni dei giornalisti sono concentrate sull’italiano della Yamaha che non delude le loro aspettative e come al solito fa il Rossi della situazione: “immediatamente dopo la caduta i dottori mi avevano detto che ci sarebbero voluti almeno 5 mesi per tornare in forma, ma io devo solo salire in sella ad una moto, non giocare a calcio! La sensazione di Misano è stata molto positiva e la sensazione di Brno è stato ancora meglio, così abbiamo preso la decisione di ritornare in questo weekend al Sachsenring. Sono in buona forma, ma credo sarà difficile sulla distanza di gara completa. Queste due gare al Sachsenring e Laguna sono molto importanti per essere poi in forma nelle ultime cinque o sei gare della stagione e riprovare a vincere”.