MotoGP Honda, Dovizioso mette all’asta la tuta per beneficenza

Dovizioso ha messo all'asta sul sito e-bay, la tuta che ha usato nell'utimo appuntamento della MotoGP 2010 a Valencia

da , il

    Dovizioso beneficenza

    Ap/LaPresse

    Andrea Dovizioso insieme a Kopron, Inter, Tony Cairoli e RCS Sport è sceso in campo per beneficenza e contribuire insieme ad Inter Campus a restituire il diritto al gioco ai bimbi di tutto il Mondo. Il pilota della Honda ufficiale ha messo all’asta la tuta con la quale ha corso l’ultima gara del Motomondiale 2010, il Gran Premio di Valencia. L’indiemento sportivo in questione andrà all’asta su ebay insieme al casco di Cairoli, la maglia di Sneijder, le scarpe di Eto’o ed i guantoni di Julio Cesar.

    Il centauro della HRC, Dovizioso ha messo all’asta sul sito e-bay, la tuta che ha usato nell’utimo appuntamento della MotoGP 2010, andato in scena sul circuito internazionale di Valencia.

    L’iniziativa parte da Inter Campus e mira a resitituire tranquillità ai ragazzi brasiliani più sfortunati, grazie all’impegno nello sport. Dopo aver duellato in Portogallo con Simoncelli, il Dovi non si è fatto pregare ed insieme a Toni Cairoli ha dato il via all’asta benefica.

    Per Dovizioso, per il quale si ipotizzava un approdo alla Honda di Gresini, è stato un onore partecipare all’iniziativa, come dimostrano le sue parole: “è un onore per me partecipare a questa iniziativa. Noi siamo fortunati perché abbiamo trasformato la nostra passione per lo sport in un lavoro. Donando la mia tuta ho l’occasione oggi di contribuire ad un progetto socialmente utile che individua nello sport un strumento educativo per raggiungere i bambini più disagiati. Lo sport ha svolto un ruolo importantissimo nella mia crescita. Sono salito sulla prima moto a 4 anni e da allora non sono ancora sceso, dai 6 ai 13 anni ho giocato a calcio. Lo sport è una componente significativa della mia vita. Con Inter Campus aiuteremo dei bambini del Brasile dove Kopron ha un’unità produttiva”.