MotoGP Barcellona: sarà Pedrosa l’anti-Lorenzo?

Lo spagnolo Daniel Pedrosa è il principale candidato al ruolo di antagonista di Jorge Lorenzo nel prossimo Gran Premio di Catalogna: il rider del Team Fiat Yamaha sembra imbattibile, ma il pilota della Honda vorrà di sicuro fare bene davanti al pubblico di casa

da , il

    Lo spagnolo Daniel Pedrosa è il principale candidato al ruolo di antagonista di Jorge Lorenzo nel prossimo Gran Premio di Catalogna: il rider del Team Fiat Yamaha sembra imbattibile, ma il pilota della Honda vorrà di sicuro fare bene davanti al pubblico di casa e si spera che darà filo da torcere al connazionale leader della classifica iridata MotoGP. Ma il Team Repsol Honda punta anche sull’italiano Andrea Dovizioso, quest’anno davvero competitivo, anche se ad Assen è apparso un po’ fuori forma, ma di sicuro l’uomo di punta è lo spagnolo, soprattutto ora che correrà la gara “di casa”…

    AAA – Cercasi anti-Lorenzo disperatamente.

    La MotoGP sembra essere stata monopolizzata dalla Yamaha di Jorge Lorenzo e domenica a Barcellona si “rischia” di assistere alla sua terza vittoria consecutiva (dopo Silverstone e Assen), una vittoria che ammazzerebbe definitivamente il mondiale. Non è strano dunque che molti appassionati stiano facendo il tifo per i rider che potrebbero fermare (o quantomeno rallentare) la cavalcata solitaria di Porfuera, su tutti lo spagnolo della Honda Daniel Pedrosa.

    Arrivo al Gran Premio di Catalunya con l’umore davvero buono. La scorsa gara di Assen è stato un esempio eccellente del fatto che non ci arrendiamo mai,” ha dichiarato Pedrosa, “Fino ad ora in questa stagione abbiamo alternato buoni risultati a cattive performance in ogni gara, ma spero che riusciremo a raggiungere un alto livello a Barcellona.”

    E’ un circuito sul quale ho sempre amato guidare, perché è davvero il mio tracciato di casa. I miei amici e la famiglia saranno lì e, assieme ai miei fan, sento più che in ogni altro posto il fatto di essere circondato da supporter,” ha continuato il rider HRC, “Lo scorso anno è stata molto dura, perché ero infortunato e ho dovuto correre con addosso un’iniezione di antidolorifici. Questa volta andiamo in Catalunya in buona forma. Sappiamo di dover lavorare duramente ma spero di fare una buona qualifica ed essere pronto per combattere al massimo livello in gara.”