MotoGP, il dottor Costa non lascia la Clinica Mobile

Il numero uno della clinica mobile della Motomondiale, dottor Costa smentisce l'ipotesi di addio al mondo delle corse

da , il

    costa motogp ipotesi addio

    Succede tutto nel pomeriggio, quando un lancio di agenzia annuncia il ritiro dall’attività del Dottor Claudio Costa . La notizia ha generaro subito scalpore nel mondo delle due ruote, considerata l’importanza della sua Clinica Mobile. L’angelo custode dei piloti smentisce immediatamente l’indiscrezione circolata negi ambienti dei motori ed afferma di non aver nessuna intenzione di smettere. Anzi dice di: “Non capire come questa cosa possa essere uscita”.

    Il Dottor Costa, chiamato in causa ogni volta che c’è una tragedia, vedi la morte di Tomizawa nello scorso Mondiale, smentisce categoricamente la notizia circolata nelle ultime ore e che lo vorrebbe fuori dal mondo delle corse.

    Ma sentiamo la smentita direttamente dalle parole del luminare della MotoGP: “E’ vero, ieri sera sono intervenuto alla conferenza di un panathlon dove ho detto che è sempre più difficile trovare eroi tra i piloti. Ho detto che la scomparsa di Simoncelli mi ha profondamente turbato e che era uno degli ultimi fatti in un certo modo. Ho detto che sono cambiati i tempi. Ma con ciò? Sì, ci sono sempre meno piloti che si lasciano guidare dalla follia e non salgono volentieri in moto quando hanno certi infortuni, mentre in passato ne ho visti ed aiutati molti in condizioni ben peggiori. Tutto questo però non significa affatto che la mia opera si sia esaurita. Anzi, ho appena rinnovato il contratto della Clinica Mobile al Motomondiale e alla SBK per altri 5 anni”.