MotoGP Indianapolis – Il ruggito di Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso ha dimostrato ancora una volta di meritare la Ducati ufficiale di Casey Stoner per il 2009

da , il

    Sarà il drappo HRC che sventola davanti agli occhi di Andrea Dovizioso, sarà la pioggia che frena gli altri concorrenti, sarà l’ incitamento del casco a non aver paura del buio, di sicuro il Dovi americano rimarrà a lungo nei felici sogni alati dell’ HRC che è riuscita ad accaparrarsi l’ asso italiano per la MotoGP 2009.

    Il pilota di Forlì ha impressionato tutti nella gara americana condotta sotto una pioggia battente e continue raffiche di vento: un inizio gara pieno di coraggio con sorpassi ad hoc su Casey Stoner (uno su tutti), una lotta strenua per il quarto posto, un quinto posto strappato con i denti alle spalle di Casey Stoner e un figurone davanti agli occhi della Honda HRC che lo sta per assoldare.

    Stessa sorte per l’ americano Nicky Hayden che, dopo la spumeggiante gara di oggi, sta facendo gioire Filippo Preziosi e Borgo Panigale tutta in previsione della prossima stagione 2009.

    Dovi non vince, ma convince e questo è già tanto per uno che, al suo primo anno in MotoGP con una moto non ufficiale, arriva (quasi) a giocarsela con i grandi e cuce il suo nome appena sotto i primi tre gradini del podio.

    Andrea Dovizioso è un altro che, come Valentino Rossi, continua a crederci fino all’ ultimo centimetro di asfalto, nonostante la pioggia e il vento, considerando gli avversari per la velocità in pista e non per il numero attaccato sul cupolino.

    Uno che ha forse capito che cosa è la MotoGP, fin dove si può osare e dove è meglio fermarsi per non ruzzolare e rischiare di perdere la cappa per un punto appena.

    Il confronto nasce spontaneo con un altro pilota che ieri ha segnato brillantemente il suo futuro in abito desmodromico.

    Nicky Hayden, dopo molte “gare no” in questo 2008 “Pedrosa-oriented”, fa faville sulla sua pista di casa: una seconda giovinezza che mutua il concetto dal negozio di auto usate del padre. Lo shop, segnale di grande impronta di ttimismo, si chiama “2dn Chance” e si promette di dare una seconda opportunità ad auto e moto di seconda mano:con questa idea, una seconda chance è quella che ieri Kentucky Kid , gavanizzato dal drappo rosso Ducati sventolante davanti ai suoi occhi per il 2009, si è preso con i denti.

    Il ruggito di Andrea, ma da ieri, anche quello di Nicky.

    Complimenti e buona fortuna…

    …in HRC e in Ducati già si vedono i 32 denti dei rispettivi Big Boss.