MotoGP Indianapolis: Valentino Rossi e il tonfo nelle qualifiche

Problemi nelle qualifiche per Valentino Rossi sul circuito di Indianapolis: il campione del mondo MotoGP 2009 ha corso sotto tono e non è riuscito ad andare oltre il settimo tempo, rendendosi addirittura protagonista di due cadute in nella stessa giornata

da , il

    Indianapolis 2010 - Valentino Rossi

    Problemi nelle qualifiche per Valentino Rossi sul circuito di Indianapolis: il campione del mondo MotoGP 2009 ha corso sotto tono e non è riuscito ad andare oltre il settimo tempo, rendendosi addirittura protagonista di due cadute in nella stessa giornata.

    Il nove volte iridato si è detto però sicuro che – nonostante alcuni problemi con la sua Yamaha – sarà possibile oggi disputare una buona gara sul circuito americano e dare la caccia al podio nonostante la presenza davanti a lui ti praticamente tutti i top rider della classe regina.

    Penso che sarà una gara molto interessante, perché io, Pedrosa e Stoner siamo tutti dietro la prima fila, il che è insolito. Potrebbe essere divertente!

    Valentino Rossi partirà infatti dalla terza fila nella griglia del Gran Premio di Indianapolis 2010: davanti a lui il vincitore della pole, lo statunitense Ben Spies (Yamaha Monster Tech3), il compagno di scuderia Jorge Lorenzo (Fiat Yamaha), le Ducati di Nicky Hayden e Casey Stoner (velocissimo nelle prove libere, solo sesto nelle qualifiche) e le due Honda di Dani Pedrosa e Andrea Dovizioso.

    Il Dottore, che non lamenta più fastidi fisici, si dice comunque ottimista: “Oggi abbiamo lavorato duro per cercare di recuperare la confidenza che abbiamo perso e abbiamo fatto qualche miglioramento,” ha dichiarato Rossi, “Purtroppo sono caduto nel peggior momento della sessione, con la gomma morbida, dopo aver fatto alcuni giri veloci ma non abbastanza tempo per provarci di nuovo. Poteva andare peggio perché ho pensato che sarei finito molto più indietro del settimo tempo, così possiamo essere felici di come è andata.”

    Una frecciatina alle condizioni della pista di Indianapolis, che con le sue buche potrebbe aver influito sulla prestazione del futuro rider Ducati: “Questa pista è molto sconnessa e credo che qualcosa deve essere fatto per migliorarla,” conclude Valentino, “Non so quando è stata l’ultima volta che sono caduto due volte in una giornata, ma è stato di sicuro molti anni fa, negli anni ’90 forse! Per fortuna io sono a posto, non mi sono fatto male e questa è la cosa più importante.

    Foto AP/LaPresse