Motogp Inghilterra: Donington Park non piace a Casey Stoner

Casey Stoner e il circuito di Donington Park: le sue impressioni alla vigilia

da , il

    Casey Stoner

    Il circuito inglese di Donington Park non e’ una pista particolarmente favorevole alla Ducati. Anche se nel 2007 e’ stato proprio Casey Stoner a salire sul gradino piu’ alto del podio in una gara pero’ segnata dalla pioggia, caratteristica molto frequente nei GP d’oltremanica.

    Donington non mi è mai piaciuta molto ma vi ho ottenuto anche qualche bel risultato e quindi mi suscita molti ricordi piacevoli” ; ha dichiarato il pilota australiano, e ha aggiunto- “nel 2006 nell’anno del debutto in MotoGP sono arrivato quarto, vicino al podio, mentre l’anno scorso abbiamo vinto. La gara era bagnata ma anche con le gomme da asciutto, nelle prove, eravamo andati forte. La prima parte del tracciato è davvero tosta, giù, lungo la “Craner” e verso l’ Old Hairpin si frena stando piegati, con la moto che si muove qua e là. Altre curve invece sono molto più lente e rendono difficile trovare un set up giusto da gara per le due diverse sezioni: quella lenta infatti è importante perché è soprattutto lì che si fanno i duelli ed i sorpassi mentre in quella veloce fai i tempi e puoi ritagliarti un vantaggio o riprendere qualcuno che ti sta davanti. E’ davvero un compromesso difficile“.

    A dire il vero anche se venisse giu’ il diluvio universale sara’ difficile ripetere la gara del 2007 per la Ducati di Casey Stoner: il dominio della passata stagione e’ solamente un ricordo. Ma negli ultimi GP sembra che la moto di Borgo Panigale abbia ritrovato un po’ di competitivita’ con il pilota australiano: i punti da recuperare sono tanti, ma il campionato e’ ancora lungo.