MotoGP Italia: Andrea Dovizioso deve reagire

Dopo un inizio di stagione non esaltante, il Gran Premio d'Italia rappresenta per, Andrea Dovizioso, l'occasione di recuperare terreno dal suo compagno di squadra Dani Pedrosa, il quale nell'ultima gara corsa a Le mans gli ha soffiato il podio

da , il

    Anche se Andrea Dovizioso, dopo le prime quattro gare, ha conquistato il doppio dei punti dell’anno scorso nello stesso periodo, il suo inizio di stagione può considerarsi deludente.

    Allora il pilota romagnolo era un debuttante in sella ad una moto privata e dimostrò in pista, di poter lottare costantemente per il podio.

    Questa è la ragione per la quale oggi, con la Honda ufficiale del team Repsol, ci si aspetta qualcosa in più da lui.

    Il Dovi, probabilmente, sarà rimasto scioccato dall’imbarazzante facilità con la quale il compagno di squadra Dani Pedrosa, ancora non al cento per cento fisicamente dopo l’intervento chirurgico al ginocchio, ha annullato il distacco che li separava in classififica generale e lo ha sorpassato senza la minima difficoltà durante il Gp di Le Mans.

    Al Mugello, GP di casa per Andrea, ci si aspetta una gara più all’attacco.

    Anche se saranno molti a voler ben figurare sul circuito toscano a causa della bagarre attualmente in atto per il titolo mondiale, Dovi deve crederci perchè la spinta del pubblico sarà forte e massiccia.

    E Nonostante sia tagliato dalla fuga mondiale dei “fab four”, il pilota della Honda appare determinato nelle sue parole: “non vedo l’ora di correre al Mugello,è un posto unico come atmosfera e sebbene faccia parte del Motomondiale per me è un evento quasi a parte. E’ come partecipare ad una specie di rituale, con tanti bei ricordi degli anni passati: la Toscana, i colori, gli odori, il cibo e la passione dei tifosi. Il Mugello è un circuito che richiede un bel po’ di rispetto, è importante prendere il giusto ritmo fin dall’inizio ma non è facile. Devi trovare il modo di passare da una variante all’altra con fluidità, e poi c’è la parte più tecnica del tracciato, la più impegnativa: la Casanova Savelli e le due Arrabbiate”.

    Una prestazione convinente in gara, sarebbe un efficace rimedio contro la crisi di risultati dell’italiano anche se dovrà fare i conti con il super favorito del Gp d’italia, Valentino Rossi che qui ha sempre trionfato.