MotoGP Jerez 2017, la storia: 2002-2016 [FOTO]

MotoGP Jerez 2017, la storia: 2002-2016 [FOTO]

La storia del Gran Premio di Jerez della MotoGP, quarto atto del mondiale della MotoGP 2017. I vincitori delle ultime edizioni del Gran Premio della Spagna. Vediamo storia e albo d'oro del GP di Spagna.

da in Jerez MotoGP, MotoGP 2017, MotoGP Spagna, Storia-MotoGP
Ultimo aggiornamento:

    Lorenzo

    Domenica si correrà la quarta prova del motomondiale della MotoGP 2017. I piloti della classe regina sono pronti a battagliare per il MotoGP Jerez 2017. Su questo particolare circuito, che apre le gare in Europa ormai da diversi anni, sarà bagarre vera. La storia del GP della Spagna, sulla pista andalusa, non ha mai tradito le aspettative dei tifosi che puntualmente ogni anno gremiscono le tribune, creando un’atmosfera unica. L’edizione 2017 si preannuncia decisamente scoppiettante dopo quanto visto all’avvio di questo campionato e saranno gli oltre 4.400 metri della pista di Jerez de la Frontera a sentenziare i primi seri verdetti di questo campionato. Valentino Rossi riuscirà ad allungare in classifica oppure Marc Marquez e Maverick Vinales lo raggiungeranno in cima alla classifica? Ripercorriamo insieme gli ultimi quattordici anni di gare su questo circuito! Dopo il salto potrete leggere come sono andate le ultime edizioni del Gran Premio di Spagna.

    Da quando esiste la MotoGP questo tortuoso circuito è stato monopolizzato da piloti spagnoli e italiani (otto vittorie per i nostri portacolori contro i sei degli iberici); Nel 2002, anno di esordio della classe MotoGP, fu Valentino Rossi, in sella alla Honda RC211V, ad aggiudicarsi la vittoria. Max Biaggi subisce la terza bandiera nera della carriera per non aver rispettato uno stop and go comminatogli per irregolarità in partenza.

    2003: Ancora Rossi

    Rossi biaggi jerez 2003

    Una novità importante in questa annata motociclistica, è entrata a far parte dello schieramento una moto italiana, la Ducati, che al terzo appuntamento del motomondiale 2003 si piazza, guidata da Loris Capirossi, in pole-position. In gara però le Honda rimettono le cose a posto con Valentino Rossi e Max Biaggi che precedono la Ducati dell’australiano Troy Bayliss, il traguardo dirà primo il marchigiano, secondo il romano (a oltre 6 secondi). Diversi ritirati eccellenti in questa gara: l’autore della pole position, Nicky Hayden e i due spagnoli Checa e Gibernau.

    2004: la volta di Gibernau

    Jerez Sete Gibernau

    Questa gara ricca di attese nella classe regina data la vittoria inaspettata di Rossi al primo appuntamento ufficiale dopo il suo passaggio alla Yamaha, è caratterizzata dalla pioggia (a conferma delle cattive condizioni meteo ricordiamo il ritiro di otto piloti per cadute) e in queste condizioni la M1 non è così efficacie come alla gara inaugurale. Rossi infatti arriva sì al quarto posto ma con un distacco vicino al minuto da un Sete Gibernau che invece sembra volare con la sua Honda, insidiato però da un Max Biaggi ancora in gran forma. Da ricordare di questa edizione la prima vittoria in carriera del giovane Marco Simoncelli nella classe 125.

    2005: torna a vincere Rossi

    Gran Premio di apertura, e di sicuro non disattende le aspettative. Nella classe regina assistiamo infatti a un bellissimo duello fra i rivali Rossi-Gibernau con il suo clou all’ultima curva (curva Ducados) dell’ultimo giro dove il pilota italiano porta un sorpasso azzardato ai danni dello spagnolo, in cui i due arrivano al contatto, lo spagnolo ha la peggio finendo nella via di fuga mentre l’italiano si invola verso la vittoria. Il contatto ha comportato delle polemiche fra i due (e relativi team) che non hanno però portato a nessuna sanzione da parte della direzione gara. Da segnalare anche la buona prova di Marco Melandri giunto terzo. Nelle classi minori la vittoria è andata rispettivamente allo spagnolo Dani Pedrosa, in 250,e all’italiano Marco Simoncelli che bissa la vittoria dell’anno precedente.

    2006: Capirossi e la Ducati in cielo

    capirossi jerez 2006

    Ancora designato come Gran Premio d’apertura per il Motomondiale, questo tracciato non smette di regalare emozioni: infatti alla prima curva dopo il via si innesca un contatto fra lo spagnolo Toni Elias e Valentino Rossi in cui il secondo ha la peggio. Gara segnata quindi per il Dottore che arriverà quattordicesimo. Nota positiva è però la vittoria dell’italiano Loris Capirossi in sella alla Ducati, che aveva già conquistato la pole nelle qualifiche, seguito da Pedrosa e dall’americano Nicky Hayden. Nella classe 125 vince Álvaro Bautista conquistando la sua prima vittoria in carriera, mentre la classe 250 vede la nascita di una nuova stella, Jorge Lorenzo.

    2007: Rossi torna al successo

    Dopo l’assolo di Stoner nella notte del Qatar, il Motomondiale torna in Europa e già dalle qualifiche il tracciato spagnolo promette scintille e adrenalina: infatti Pedrosa conquista la pole position, ma a seguirlo ci sono quattordici piloti a meno di un secondo. La domenica Rossi azzecca una buona partenza e grazie a un ottimo passo-gara distanzia Pedrosa giro dopo giro e taglia il traguardo per primo. Stoner invece rimane imbottigliato nei primi passaggi non riuscendo ad avvantaggiarsi in modo consistente della maggiore potenza del suo propulsore Ducati, però col passare dei giri riesce a risalire fino al quarto posto. Nella classe 250 lo spagnolo Lorenzo bissa la vittoria dell’anno precedente.

    2008: acuto di Pedrosa

    Nel 2008 c’è da registrare la prima vittoria su questo tracciato per il pilota di casa Dani Pedrosa su Honda che precede al traguardo il solito Valentino Rossi e Jorge Lorenzo; degni di nota sono anche i tempi che fanno registrare i primi cinque piloti, tutti sotto la vecchia best pole di Loris Capirossi del 2006 con Lorenzo che ferma il cronometro sull’ 1’38.189.

    2009: altra vittoria di Valentino

    small_110514 223206_133145_pw107_ap

    Jorge Lorenzo si presenta all’appuntamento di casa in gran forma riuscendo ad ottenere ancora la pole position. Ma si sa la gara è la Domenica e riserva sempre delle sorprese: infatti dopo la partenza il pilota maiorcano non riesce a brillare come in qualifica e vede scappare via i suoi rivali (Pedrosa, Rossi, Stoner), salvo riprendersi da metà gara in poi quando si ricongiunge ad uno Stoner in difficoltà, ma getta tutto alle ortiche con una scivolata nel tentativo di sorpassare l’australiano. Davanti è gara a due con Rossi che non riesce mai a piegare definitivamente un Pedrosa mai domo, alla fine però la vittoria va al pilota della Yamaha.

    2010: Vince Lorenzo

    Diventato il secondo Gran Premio della stagione, dopo il rinvio del GP del Giappone 2010, dovuto ai problemi di traffico aereo causato dall’eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajökull, il circuito Andalusiano vede imporsi nelle prove ufficiali la Honda di Daniel Pedrosa seguito dal solito Lorenzo, da Stoner e quindi da Rossi. Il giorno successivo Lorenzo ottiene la sua prima vittoria sul tracciato di Jerez in MotoGP dopo una partenza non eccellente, recuperando prima su Rossi, condizionato dall’infortunio alla spalla, e poi nel finale su Pedrosa. Dietro loro tre si piazzano nell’ordine: Hayden, Stoner, Dovizioso; Capirossi cade al terzo giro, mentre Spies si ritira per un problema tecnico all’ottavo giro. La nuova categoria Moto2 vede trionfare Toni Elias del team Moriwaki.

    2011: Doppietta di Lorenzo

    L’edizione del 2011 è stata ricca di eventi, l’attesa per il nuovo matrimonio di Rossi con la Ducati, Stoner alla Honda e Lorenzo rimasto il punto di riferimento della Yamaha.

    Le prove non hanno ammesso repliche, Stoner il più veloce con Pedrosa e Lorenzo a inseguire e Rossi in difficoltà, ma il brutto tempo e la pista umida hanno rimescolato le carte prima della gara: pronti-via l’accoppiata Rossi-Ducati sembrava aver risolto tutti i problemi facendo tempi inimmaginabili fino al giorno prima. Arriva addirittura ad insidiare Stoner per le posizioni che contano ma sbaglia il sorpasso, le moto arrivano al contatto e cadono entrambi (ci saranno polemiche per l’aiuto degli stweart solo per l’Italiano). Altra nota dolente è la caduta di Marco Simoncelli, caduto per high-side quando era al comando della gara. Alla fine di questa gara a eliminazione (solo 12 al traguardo) vince Lorenzo davanti a Pedrosa ed Hayden.

    2012: Ecco Stoner

    Dopo il brutto episodio che in gara ha visto coinvolto Casey Stoner, trascinato a terra da Valentino Rossi l’anno prima, l’australiano ha ora voglia di rifarsi in questa sua seconda stagione da pilota Honda ufficiale. Le prove libere di questo gran premio sono state condizionate notevolmente dalla situazione meteorologica, tant’è che prima del sabato solo 8 piloti hanno deciso di scendere in pista, mentre le qualifiche del sabato si sono svolte regolarmente con la pole ottenuta da Lorenzo, seguito vicinissimo da Pedrosa e un ottimo Hayden con il terzo tempo.
    In gara però, Stoner si mette davanti a tutti e conquista la sua prima vittoria stagionale proprio in casa degli spagnoli che arriveranno secondo e terzo rispettivamente con Lorenzo e Pedrosa. Male Valentino Rossi che chiude solo 9° con oltre 30 secondi di ritardo.

    2013: Il ritorno di Pedrosa

    Gran Premio di Spagna concluso, lo vince Pedrosa dopo essere passato in testa al quinto giro; Il pilota spagnolo della Honda conduce in solitaria dopo il sorpasso decisivo su Lorenzo che si trova a dover duellare con Marc Marquez, autore nell’ultimo giro di un’entrata piuttosto discutibile che spinge praticamente fuori pista il maiorcano. Parte bene anche Valentino Rossi che si mette subito in quarta posizione ma comincia già dai primi giri ad accusare problemi di gomme e quindi costretto ad abbassare il ritmo. Buona prova di Cal Crutchlow che nel finale si mette dietro Bautista dopo un bel duello. Bene anche Hayden che fa molto meglio del compagno Dovizioso.
    Chiuso dunque il Gran Premio di Spagna qui a Jerez, vince un velocissimo Pedrosa. Gara bellissima nelle prime tre posizioni, peccato per il brutto episodio nel finale che avrà fatto sicuramente innervosire i fan di jorge Lorenzo.

    2014: Prima volta di Marquez

    Dopo aver ottenuto la pole position al sabato, Marc Márquez ha ottenuto anche la vittoria, la sua quarta consecutiva dall’inizio della stagione e prima sul tracciato di Jerez de La Frontera in carriera. Sul podio anche Valentino Rossi e Dani Pedrosa. Tra le moto Open si è imposto Aleix Espargaró giunto al settimo posto assoluto dopo una grande gara. Jorge Lorenzo ha raggiunto la sua duecentesima presenza nel motomondiale, mentre per Márquez si trattava del suo centesimo Gran Premio in carriera. Danilo Petrucci, a causa di una caduta durante il warm-up, non ha partecipato al GP di Spagna 2014.

    Jorge Lorenzo ha vinto il Gran Premio di Jerez 2015. Lo spagnolo, dopo essersi aggiudicato la pole position, ha conquistato la sua prima gara in stagione davanti alla Honda di Marquez, in pista seppur operato da poco per un problema al mignolo, e Valentino Rossi. Per il Dottore è stato il 200° podio in carriera nel motomondiale. Bella prestazione di Cal Crutchlow, quarto con la Honda clienti del Team LCR. Da dimenticare la prestazione della Ducati con Iannone 6° e Dovizioso 9° al traguardo. Jonas Folger si è aggiudicato la gara della Moto2 mentre Danny Kent ha vinto in Moto3.

    Valentino Rossi coglie una fantastica “tripletta”. Dopo la pole position di Sabato, conquista in gara sia il successo che il giro veloce. Una gara d’attacco e una vittoria più che meritata. A completare il weekend perfetto della Yamaha ci ha pensato Lorenzo, secondo. Sul podio anche Marquez. Gara da dimenticare per la Ducati, sconfitta anche dalla Suzuki, con Iannone settimo e Dovizioso costretto al ritiro anticipato. Per Valentino Rossi fu il primo successo della stagione 2016 e nono sul tracciato spagnolo.

    2014

    Paddock Girls MotoGP Jerez Spagna 2013
    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Jerez MotoGPMotoGP 2017MotoGP SpagnaStoria-MotoGP