MotoGP Jerez 2016: le pagelle da 10 a 0

MotoGP Jerez 2016: le pagelle della gara della MotoGP a Jerez in Spagna. I buoni e i cattivi della quarta gara stagionale.

da , il

    MotoGP Jerez 2016 – Nel fine settimana si è corso a Jerez de La Frontera il Gran Premio della Spagna della MotoGP 2016. La gara, dominata da un superbo Valentino Rossi, ha avuto tanti spunti positivi ma anche alcuni negativi che abbiamo voluto analizzare per Voi. Ecco le nostre pagelle: i promossi ma anche i rimandati di questo quarto round della stagionale 2016. Girate le pagine per vedere i voti dati alle pagelle e team in questo primo weekend della MotoGP.

    Voto 10: Valentino Rossi

    Valentino Rossi corre una gara perfetta. Dopo la pole position, parte bene e resta davanti dall’inizio alla fine. 25 punti meritatissimi che riportano il Dottore in corsa per il titolo mondiale. Il suo weekend è stato perfetto, senza sbavature. Superbo.

    Voto 9: Yamaha

    La Yamaha merita un bel 9 per ciò che ha fatto nel Gran Premio di Jerez. La scuderia giapponese, dopo aver portato due piloti nelle prime due posizioni della griglia di partenza, è riuscita a chiudere il GP con una fantastica doppietta. Grazie a questo risultato si è portata in vetta nel mondiale a squadre e in quello Costruttori.

    Voto 8: Jorge Lorenzo

    La gara di Lorenzo a Jerez è stata più che positiva. Il campione del mondo, dopo aver tentato invano di passare Rossi nei primi chilometri, ha resistito all’esuberante Marquez portando a casa un ottimo secondo posto. Nella corsa al titolo ha mangiato quattro punti sul pilota della Honda. Ragioniere.

    Voto 7: Marc Marquez

    Sufficienza piena per il leader del mondiale. Marquez porta a casa un terzo posto che è oro visto il livello tecnico della Yamaha in Spagna. 16 punti per restare in vetta al mondiale. Seppur esca sconfitto ha ora un vantaggio di 17 punti su Lorenzo e 24 su Rossi da gestire nelle prossime gare.

    Voto 6: Suzuki

    La Suzuki chiude la gara di Jerez con 21 punti iridati frutto di un quinto e sesto posto. Bella prestazione di Aleix Espargarò che ha insidiato Pedrosa per il quarto posto mentre Vinales è stato un po’ più in ombra. Con la Ducati Corse che stecca, la scuderia giapponese mantiene il terzo posto nel mondiale dei Team.

    Voto 5: Aprilia

    L’Aprilia, dopo aver conquistato 15 punti in Argentina e 11 ad Austin, si aspettava un altro passo in avanti ed invece a Jerez, la scuderia italiana non è andata oltre al 14° posto di Bradl con Bautista out. Un piccolo passo indietro ma anche la consapevolezza di aver sfiorato l’accesso in Q2 in qualifica.

    Voto 4: Dani Pedrosa

    Gara anonima di Dani Pedrosa a Jerez. La partenza è stata molto positiva ma poi, col passare dei giri, ha perso subito terreno da Lorenzo e Marquez. Alla fine ha rischiato di essere superato dalla Suzuki di Espargarò. Un quarto posto finale utile solo per superare Pol Espargarò nella classifica dei piloti. Il gap dalla vetta del campionato è ora di 42 lunghezze.

    Voto 3: Iannone

    Andrea Iannone, dopo il podio di Austin, sperava in un weekend decisamente migliore. La sua gara è stata dai due volti. Dopo una brutta partenza, dove ha perso diverse posizione, è riuscito a rimontare chiudendo al settimo posto. Un weekend complicato per il pilota di Vasto. Una consolazione di aver superato, per due punti, Dovizioso in classifica piloti.

    Voto 2: Ducati

    Weekend da dimenticare in fretta per la Ducati. La Desmosedici ha avuto difficoltà in Spagna non riuscendo mai a stare nelle parti nobili della classifica. Dovizioso ha avuto un problema tecnico alla sua moto, mentre Iannone non è mai riuscito ad essere veloce. Troppo poco per un team che punta al successo.

    Voto 1: la sfortuna di Dovizioso

    Avevamo dato un voto alla “sfortuna” di Dovizioso già ad Austin, oggi putroppo dobbiamo ripeterci. Il Ducatista continua nel suo periodo nero. Dopo un bel inizio di stagione, ha collezionato tre punti in tre gare, dovuti ad errori altrui e noie tecniche. Paperino.

    Voto 0: Miller e Rabat

    Le due giovani promesse della Honda steccano anche a Jerez e restano nei bassifondi della graduatoria. Miller 17° e Rabat 18° non hanno portato nessun punto al Marc VDS che resta al penultimo posto della classifica team.