MotoGP: Jerez vince il “Best Grand Prix 2009″

Il circuito di Jerez de la Frontera è stato incoronato dall'IRTA "Best Grand Prix 2009": la pista andalusa – sede del Gran Premio di Spagna dal 1987 – si aggiudica l'ambito premio per la seconda volta nella sua storia (la prima fu ben vent'anni fa, nel 1990)

da , il

    Il circuito di Jerez de la Frontera è stato incoronato dall’IRTA “Best Grand Prix 2009″: la pista andalusa – dal 1987 sede del Gran Premio di Spagna – si aggiudica l’ambito premio per la seconda volta nella sua storia (la prima fu ben vent’anni fa, nel 1990).

    Il titolo “miglior gran premio della stagione” non fa che confermare quello che tutti gli appassionati del motociclismo sportivo sanno ormai da anni, cioè che quello di Jerez è uno dei tracciati più spettacolari e avvincenti del Campionato del Mondo MotoGP.

    E’ ormai dal 1987, data dalla quale vi si corre il GP di Spagna, Jerez è stata sede di spettacolari duelli su due ruote e la stagione passata non è stata avara di emozioni: Valentino Rossi ha inseguito e raggiunto la Honda di Dani Pedrosa, in fuga fin dall’inizio gara, per superarla e chiudere il GP davanti al pilota spagnolo.

    E ora l’IRTA ha deciso di assegnare al circuito andaluso l’ambito riconoscimento di “Best Grand Prix 2009“, premio già vinto nell’ormai lontano 1990.

    La vittoria del titolo di miglior gran premio della stagione è stata annunciata da Herve Poncharal, il presidente dell’IRTA, che ha dichiarato di essere felice per Jerez, tracciato unico per atmosfera ed emozioni, nonché primo GP europeo del calendario MotoGP: “Jerez è sempre stata una location fantastica, una grande pista e un’atmosfera unica,” ha affermato Poncharal, “Un circuito che lavora anno dopo anno per i team e per gli spettatori, con uno staff che sa rendere sempre piacevole la permanenza in Andalusia.

    Felicissimo Jerez Pilar Sánchez Muñoz, presidente del circuito di Jerez (e sindaco della città): “Il Gran Premio di Spagna 2010 sarà ricco di rinnovati propositi,” ha dichiarato l’alcalde, “E questo riconoscimento non sarà visto come un traguardo, ma come un incentivo a fare sempre meglio per rendere indimenticabile questo appuntamento.