MotoGp, Jorge Lorenzo: “Ora io e Stoner siamo pari”

da , il

    Motomondiale Assen, la gara

    La gara sul circuito olandese di Assen è durata pochi secondi per Jorge Lorenzo: il tempo di impostare la prima curva e il pilota della Yamaha è stata letteramente travolto da un Alvaro Bautista che si è “dimenticato” di frenare in tempo. Ma oltre al danno la beffa per Jorge. Casey Stoner vince la gara, e il divario di 25 punti in classifica mondiale si annulla del tutto.

    Il povero Lorenzo nell’incidente ha riportato pure una piccola distorsione tibio-peroneale, ma il maiorchino ci sarà in Germania, pronto a ristabilire le giuste gerarchie nella classe regina. Stoner e Lorenzo partono quindi alla pari nel mondiale, ora quindi si riparte da zero: “E’ stato un pessimo weekend per noi quello di Assen. Avevamo lavorato bene su quella pista, ho perso la pole all’ultimo ma sapevo di poter fare una grande gara. Purtroppo la nostra gara non è durata neanche una curva. Ora si parte da zero con Stoner, su una pista come il Sachsenring su cun non ho mai vinto ma dove sono sempre andato bene. La caviglia mi fa un po’ male, ma non mi ostacola nella guida e in Germania voglio lottare per la vittoria”.

    All’ottava gara si riparte come se fossimo all’inizio dell’anno. Jorge Lorenzo sembra comunque più in forma e rimane il favorito per questo titolo mondiale, mentre Casey, dopo un inizio col botto, ha accusato alcuni piccoli cali, che lo avevano distanziato dallo spagnolo in classifica. Queste due gare, Germania e Italia, ci diranno sicuramente tantissimo su quali sono i reali valori in campo.