MotoGP Le Mans. Brivio vede, prevede, e…?

MotoGP Le Mans

da , il

    valentino rossi intervista

    …doveva essere uno dei circuito favorevoli per la Yamaha di Valentino&Company, e invece, la seconda sessione di prove libere non ha premiato il lavoro del team Yamaha Fiat, anche se il piazzamento ottenuto da Valentino durante la mattinata era stato decisamente buono.

    Stamattina le cose andavano bene, ma oggi pomeriggio abbiamo avuto un po’ di problemi e non siamo riusciti a migliorare molto la nostra situazione” – ha detto Valentino Rossi – “Non sono soddisfatto completamente, bisogna lavorare ancora. Su questo circuito il regolamento gomme per noi non è il massimo e non abbiamo ancora trovato la gomma giusta, comunque oggi abbiamo raccolto un sacco di dati per cui se tutto va bene domani potremo apportare altre modifiche per far funzionare meglio il nostro pacchetto.

    L’undicesimo posto di Valentino non f ben sperare, anche se la giornata di domana riserverà sicuramente qualche sorpresa dal fronte Yamaha.

    Lo stesso Brivio ha detto: ““È la prima di una serie di gare molto importanti che determineranno l’andamento del Campionato prima della pausa estiva. Avevamo detto che saremmo andati in Cina per difenderci per poi passare all’attacco in Europa. Il circuito di Le Mans ci è tradizionalmente favorevole e sarà estremamente interessante paragonare la nostra moto con quelle degli avversari perchè è un circuito molto diverso dagli altri affrontati finora. Non ha i rettilinei lunghi e veloci del Qatar, della Turchia o della Cina, ma sappiamo che i nostri avversari saranno forti comunque. È una stagione strana perché le nuove moto 800 e la serrata competizione tra i fornitori di gomme rende impossibile fare previsioni su cosa succederà in ogni gara. Il nostro obiettivo per Le Mans e per le gare successive è quello di stare il più possibile tra i primi, finire sempre sul podio e vincere quando possiamo.

    Valentino, pensando anche alla quarta posizione ottenuta dal suo compagno di squadra Colin Edwards, che oggi pomeriggio si è fermato ad un soffio dal podio, cerca di essere comunque fudicioso: “ Per quanto riguarda la messa a punto credo che oggi non abbiamo trovato la direzione giusta; questo è un circuito un po’ strano e al momento non sono in grado di guidare la moto come voglio. Qui ho un conto da regolare dopo quello che è successo l’anno scorso per cui dobbiamo rimanere concentrati e lavorare al 100% per essere nella forma migliore per la gara di domenica. Domani dobbiamo colmare il divario con gli altri. Colin è un po’ più veloce di me e ha dimostrato che la moto va bene, per cui se tutto va bene possiamo studiare i dati che abbiamo e individuare una direzione nuova in cui lavorare domani

    Alla Yamaha sarà una lunga notte di lavoro…